Confindustria Firenze
Confindustria Firenze:

Autopalio: no al pedaggio prima dell’adeguamento

10 Febbraio 2011
Alfredo Coltelli, presidente della Sezione Chianti Sud di Confindustria Firenze: “Si dovrebbero aiutare le imprese impegnate sul territorio, e non gravarle di ulteriori penalizzazioni”

“Le imprese sono ricchezza e occupazione per un territorio. Spesso sono in molti a dimenticarselo e invece di creare nuove opportunità e dotazioni infrastrutturali per agevolare il loro sviluppo, si fa esattamente l’opposto penalizzandole ulteriormente”.

E’ Alfredo Coltelli, presidente della Sezione Chianti Sud di Confindustria Firenze a far sentire la voce delle imprese dell’area contrarie all’applicazione del pedaggio sull’Autopalio, prima dell’avvio di interventi di riqualificazione.

“Le imprese del Chianti fiorentino soffrono già dall’essere servite solo dal trasporto su gomma e, alla luce dei tagli dichiarati dalla Regione sul trasporto pubblico locale, subiranno già forti rincari. Non si può chiedere loro di subire un ulteriore aggravio a causa del pedaggio. Tali costi si rifletterebbero sul flusso del pendolarismo, sui fornitori, sul costo delle merci e, in generale, sulla produzione".

“E’ di adeguamento e, poi, di pedaggio finalizzato che vorremmo sentir parlare. Vorremmo discutere di messa in sicurezza e di ammodernamento e non esclusivamente di rincari per gli utenti. Siamo quindi solidali con la mobilitazione organizzata dalla nostra Provincia che è intervenuta a tutela dei cittadini e delle imprese del Chianti”.

    Login utenti registrati


    Agenda
    «  

    Luglio 2014

      »
    Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
     
    1
     
    2
     
    3
     
    4
     
    5
     
    6
     
    7
     
    8
     
    9
     
    10
     
    11
     
    12
     
    13
     
    14
     
    15
     
    16
     
    17
     
    18
     
    19
     
    20
     
    21
     
    22
     
    23
     
    24
     
    25
     
    26
     
    27
     
    28
     
    29
     
    30
     
    31