22 Lug 2015

Premessa
Facciamo seguito al precedente comunicato del 12 maggio 2015.
E’ stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il D.Lgs. 105/2015 che recepisce nell’ordinamento nazionale la direttiva 2012/18/UE, relativa al controllo del pericolo di incidenti rilevanti connessi con sostanze pericolose. Il provvedimento:
• aggiorna la norma precedentemente vigente (D.Lgs. 334/1999 e s.m.i.), confermando sostanzialmente l’impianto;
• aggiorna l’elenco delle sostanze pericolose e le relative soglie al Regolamento UE 1272/2008 relativo alla classificazione, etichettatura e imballaggio delle sostanze e miscele (cosiddetto Regolamento CLP), e pertanto le aziende interessate dovranno valutare nuovamente la propria posizione;
• rafforza le misure di controllo, e di informazione e partecipazione del pubblico.
Il provvedimento interessa circa 1100 stabilimenti “a rischio di incidente rilevante” presenti nel territorio nazionale (di cui 60 stabilimenti in Toscana – dati del Ministero dell’Ambiente aggiornamento dicembre 2014).

Il D.Lgs. 105/2015
• Al Ministero dell’interno sono assegnate le funzioni istruttorie e di controllo sugli stabilimenti di soglia superiore (già definiti come ex art. 8 del D.Lgs. 334/1999).
• Alle Regioni sono assegnate le funzioni di controllo sugli stabilimenti di soglia inferiore (già definiti come ex art. 6 ai sensi del D.Lgs. 334/1999). 
• Viene rafforzato il ruolo di indirizzo e coordinamento espletato dal Ministero dell’ambiente attraverso l’istituzione di un coordinamento per l’uniforme applicazione nel territorio nazionale della normativa.
• Sono aggiornate e completate tutte le norme di carattere tecnico necessarie per l’applicazione del decreto (vedi gli Allegati da A ad M).
• Viene introdotta una modulistica unificata utilizzabile in formato elettronico per la trasmissione della notifica e delle altre informazioni da parte del gestore.
• Sono definite le tariffe per le istruttorie e i controlli.
• Sono introdotte le procedure per l’attivazione del meccanismo della “deroga” per le sostanze non in grado, in determinate condizioni chimico-fisiche, di generare incidenti rilevanti.
 
Considerata la complessità della presente disciplina (costituita da 33 articoli e 17 allegati), ulteriori approfondimenti saranno forniti in un successivo comunicato.

Allegati
D.Lgs. 105/2015

Contatto
Giacomo Borselli, Tel.0552707236, e-mail
 

Questo contenuto è riservato ai soci. Accedi per leggere tutto.

Accesso utente
   

055 2707