25 Mag 2016

La Federmeccanica ha confermato la propria disponibilità a proseguire il confronto per giungere ad un rinnovamento del Contratto nazionale che abbia come pilastri la formazione professionale, il welfare e che chiarisca i compiti dei due livelli di contrattazione in materia salariale: da un lato il C.C.N.L. che svolgerà un ruolo di garanzia mentre sarà la contrattazione aziendale a distribuire la ricchezza dopo che essa sia stata prodotta.

 

Le Organizzazioni sindacali hanno dichiarato la propria indisponibilità a raggiungere un’intesa su tali basi ed hanno riaffermato che il Contratto nazionale deve continuare a difendere il potere d’acquisto dei salari e deve essere fonte di riconoscimenti economici per tutti i lavoratori della categoria.

 

Al termine dell’incontro le Organizzazioni Fim, Fiom e Uilm hanno proclamato la mobilitazione della categoria e 12 ore di sciopero. In particolare, le prime 4 ore di astensione saranno effettuate a livello locale a partire dai prossimi giorni, mentre uno sciopero di 8 ore, articolato su base regionale, è previsto nelle giornate del 9 e 10 giugno. È stato indetto, inoltre, il blocco degli straordinari e delle flessibilità nelle giornate di sabato 28 maggio e 11 giugno.

 

Contatti:

d.ssa Raffaella Santoro tel. 055 2707238;  e-mail:

d.ssa Stefania Acciaioli tel. 055 2707323;  e-mail:

  

Questo contenuto è riservato ai soci. Accedi per leggere tutto.

Accesso utente
   

055 2707