12 Set 2016

L’Amministrazione Finanziaria ha definito le informazioni, le regole tecniche, gli strumenti e i termini che, a decorrere dal 1/01/2017, dovranno essere utilizzati dai contribuenti che gestiscono distributori automatici, al fine di memorizzare e trasmettere telematicamente i dati dei corrispettivi giornalieri derivanti dalle cessioni di beni e dalle prestazioni di servizi (a fronte di pagamento di un corrispettivo anche se eseguito con chiavetta) effettuate con le anzidette apparecchiature (vending machine).

Sono chiamati all’osservanza di questa disposizione, prevista dall’art. 2. 2° co. del D.Lgs. 5/08/15, n. 127 (in vigore dal 2/09/15), i gestori – soggetti passivi I.V.A. – di distributori automatici, compresi nell’art. 22/633, commercio al minuto e attività assimilate.

Il passaggio al nuovo regime sarà graduale e la fiscalizzazione degli apparecchi avverrà  con soluzione transitoria da utilizzare entro il 31/12/2022 e una soluzione a regime i cui contenuti saranno normati con altro provvedimento.

I gestori dei distributori dovranno comunicare all’Amm. Finanziaria la matricola identificativa dei sistemi master entro la data di messa in servizio degli apparecchi secondo le prescrizioni previste dal provvedimento a partire dal 30/07/2016.

L’Agenzia fornirà un QRCODE che dovrà essere apposto visibilmente in modo protetto sulla singola apparecchiatura e il gestore dovrà garantire il costante aggiornamento delle matricole nei casi di cessione, sostituzione, furto, guasto, distruzione mediante modalità fornite dal provvedimento.

L’utilizzatore che rileva l’assenza del QRCODE sull’apparecchiatura o non riscontra l’indirizzamento dello stesso all’apposita pagina web  dell’Ag. delle Entrate può segnalare a questa l’irregolarità riscontrata a mezzo apposito numero telefonico o indirizzo e-mail pubblicati sul sito web dell’Agenzia.

L’Amm. Finanziaria dedicherà un’area riservata nel proprio sito internet che consentirà di censire telematicamente i distributori e certificherà l’avvenuta procedura con applicazione del sigillo elettronico per i file XML con i quali trasmettere i relativi corrispettivi.

I gestori dovranno conservare elettronicamente le informazioni trasmesse, i dati dei corrispettivi giornalieri ed ogni altro elemento informativo ad essi relativo dalle singole rilevazioni effettuate dal sistema master, trasmettendo i relativi dati utilizzando un apposito sito web secondo le specifiche tecniche allegate al provvedimento.

L’Agenzia attesterà l’avvenuta trasmissione dei dati mediante una ricevuta che, se non rilasciata, dimostrerà che i dati non sono stati trasmessi secondo le previste procedure, comunicando le motivazioni con altra ricevuta di scarto: in tale ipotesi il gestore potrà trasmettere il file corretto entro cinque giorni lavorativi successivi alla comunicazione di scarto.

Dovranno essere emanati ulteriori provvedimenti al fine di regolamentare la nuova disciplina.

 

Contatto

Area Economia e Diritto di Impresa

Vincenzo Padelletti, tel. 055/2707201

Questo contenuto è riservato ai soci. Accedi per leggere tutto.

Accesso utente
   

055 2707