08 Lug 2016

In attuazione delle disposizioni recate con il 1° co. dell’art. 1 del D.Lgs. 5/08/15, n. 127 l’Agenzia delle Entrate, a decorrere dal 1° giugno 2016, ha messo a disposizione di tutti i contribuenti, gratuitamente, un servizio che consente:

la generazione;

la trasmissione;

la conservazione (su specifica richiesta che potrà essere anche in seguito revocata)

delle fatture elettroniche emesse e delle relative variazioni.

La prima versione del servizio web è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Per utilizzare il servizio occorre che il contribuente sia abilitato all’utilizzo dei servizi telematici Entratel, Fisconline, ovvero Spid (Sistema Pubblico di identità digitale) o CNS (Carta Nazionale dei Servizi).

All’atto della predisposizione delle fatture occorrerà stabilire il relativo formato e cioè fatture PA (destinate alla Pubblica Amministrazione che transiteranno attraverso il Sdi), fatture ordinarie o semplificate, destinate ai clienti italiani soggetti passivi I.V.A. che, fino al 31 dicembre p.v., potranno transitare tramite Sdi (se aventi le caratteristiche tecniche delle fatture destinate alla PA) oppure a scelta, o se non aventi le anzidette caratteristiche, tramite posta elettronica certificata.

Il nuovo servizio sarà usufruibile anche da parte di incaricati ad emettere le fatture per conto terzi (professionisti, centri servizi e simili).

 

Contatto

Area Economia e Diritto di Impresa

Vincenzo Padelletti, tel. 055/2707201

Questo contenuto è riservato ai soci. Accedi per leggere tutto.

Accesso utente
   

055 2707