26 Lug 2018

INAIL, Direzione regionale per la Campania, pubblica per la “Collana Salute e Sicurezza” il manuale “La valutazione del rischio microclima”, l’esposizione al caldo e al freddo.

Premessa

Le condizioni microclimatiche di un luogo di lavoro possono interferire significativamente con le attività degli occupanti. Condizioni non confortevoli possono ridurre la produttività ma anche favorire il verificarsi di infortuni e di piccoli malesseri. Negli ambienti di lavoro in cui il ciclo produttivo richiede condizioni ambientali estreme con temperature particolarmente elevate o estremamente basse è addirittura necessario proteggere la salute dei lavoratori modificando, quando è possibile, il ciclo produttivo o realizzando adeguati sistemi di protezione collettiva e individuale.

Fonti normative

Benché il d.lgs. 81/08 abbia inserito il microclima nei rischi fisici da valutare ai sensi del Titolo VIII, l’assenza di uno specifico capo non fornisce, alla pari degli altri rischi come rumore, vibrazioni ecc., delle univoche indicazioni su come valutare tale rischio. La valutazione del microclima viene pertanto effettuata facendo riferimento alla normativa tecnica internazionale e nazionale.

Il manuale

INAIL ha voluto realizzare questo manuale per fornire ai datori di lavoro, ai responsabili dei servizi di prevenzione e protezione e a tutti coloro che si occupano di prevenzione nei luoghi di lavoro, un momento di sintesi sulle attuali conoscenze e permettere loro di valutare nel migliore dei modi i rischi legati alle condizioni microclimatiche del luogo di lavoro e di realizzare le migliori azioni correttive.

Questo contenuto è riservato ai soci. Accedi per leggere tutto.

Accesso utente