07 Gen 2019

La legge di Bilancio è stata pubblicata sulla Gazzetta ufficiale n.302 del 31 dicembre 2018 ed entrata in vigore il 1° gennaio 2019.

Si evidenziano le principali misure in materia di lavoro .

La descrizione normativa non comprende Quota 100 e reddito di cittadinanza, che saranno varati prossimamente con appositi decreti ministeriali

Contrasto al lavoro irregolare

Le sanzioni aumentano del 20% in caso di:

  • lavoratori occupati senza preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro;
  • violazioni della disciplina relativa alla somministrazione di lavoro, appalto e distacco;
  • violazione della durata massima dell’orario di lavoro, riposo giornaliero, riposo settimanale;
  • altre ipotesi individuate da apposito DM.

Sono aumentati del 10% gli importi dovuti per la violazione delle disposizioni del TU sulla sicurezza del lavoro, sanzionate in via amministrativa o penale.

Le suddette maggiorazioni sono raddoppiate qualora, nei tre anni precedenti, il datore di lavoro sia stato destinatario di sanzioni amministrative o penali per i medesimi illeciti.

Lavoro agile

È prevista la priorità di accesso al lavoro agile per le lavoratrici, nei tre anni successivi alla conclusione del periodo di congedo di maternità.

Agevolazioni disabili

L’INAIL rimborserà al datore di lavoro il 60% della retribuzione corrisposta dal datore di lavoro – fino ad un massimo di 12 mesi – al lavoratore disabile destinatario di un progetto di reinserimento, mirato alla conservazione del posto di lavoro, che alla cessazione dello stato di inabilità temporanea assoluta non possa attendere al lavoro senza la realizzazione degli interventi individuati nell’ambito di un apposito progetto di reinserimento.

Il progetto può essere proposto dal datore di lavoro ed approvato dall’INAIL.

Bonus giovani eccellenze

La legge di Bilancio ha introdotto uno sgravio totale annuale fino ad un massimo di 8 mila euro nel caso di assunzione a tempo indeterminato o trasformazione di contratti a tempo determinato in rapporti stabili nel 2019.

Tale incentivo riguarda i datori di lavoro privati che assumono i soggetti con i seguenti requisiti:

  • laurea magistrale, ottenuta nel periodo compreso tra il 2018 e il 30 giugno 2019 con la votazione di 110 e lode e con una media ponderata di almeno 108/110, entro la durata legale del corso di studi e prima di aver compiuto 34 anni, in Università statali o non statali legalmente riconosciute;
  • dottorato di ricerca, ottenuto nel periodo compreso tra il 2018 e il 30 giugno 2019 e prima di aver compiuto 30 anni, in Università statali o non statali legalmente riconosciute.

Revisione tariffe INAIL

La legge di Bilancio ha previsto la revisione tariffe INAIL, che dovrebbe consentire un risparmio dei premi dovuti per l’assicurazione.

Congedo obbligatorio Padre Lavoratore

Il padre lavoratore dipendente, per l’anno 2019, ha diritto a 5 giorni di congedo obbligatorio da fruire entro i 5 mesi dalla nascita del figlio o dall’ingresso in famiglia o in Italia del minore (in caso di adozione e affidamento nazionale o internazionale), e di un giorno di congedo facoltativo in sostituzione al periodo di astensione obbligatoria spettante alla madre.

I giorni possono essere goduti anche in via non continuativa.

Tali diritti non possono essere sottoposti a valutazioni discrezionali da parte del datore di lavoro.