15 Mar 2016

Premessa
La presentazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale MUD entro il 30 aprile 2016 avverrà con modulistica ed istruzioni già utilizzate per le dichiarazioni presentate nel 2015.

Ci preme evidenziare che sono state predisposte da ISPRA (1) delle informazioni aggiuntive alle istruzioni (2), sia a seguito delle modifiche intervenute nel quadro normativo (vedi il nuovo elenco dei rifiuti e la nuova classificazione dei rifiuti), sia per superare alcune criticità evidenziate dalla denuncia del 2015.

Le istruzioni aggiuntive
Le istruzioni aggiuntive (vedi allegato), riguardano:
•    il nuovo elenco dei rifiuti
•    la classificazione dei rifiuti
•    chiarimenti sulla compilazione del modulo MG (Gestione del rifiuto)
•    duplicazione dei quantitativi di rifiuti avviati a D10
•    chiarimenti sulla compilazione della Comunicazione rifiuti urbani, assimilati e raccolti in convenzione
•    chiarimenti sulla compilazione della Comunicazione Imballaggi
•    duplicazioni delle informazioni
•    mancata comunicazione dati su costi di gestione
•    impianti di trattamento mobili
•    compilazione informazioni sui materiali
•    quantità da indicare nella scheda Materiali
•    integrazioni al MUD RAEE
•    chiarimenti sulla compilazione della Comunicazione veicoli fuori uso, Rifiuto ricevuto da privati, Divisione delle giacenze in relazione alla destinazione finale;
•    chiarimenti su modulo RE
•    rifiuti da costruzione e demolizione.
Per quanto concerne i rifiuti da costruzione e demolizione, si rimanda ad un comunicato specifico a cura dei colleghi di ANCE Roma.

Obblighi di comunicazioni annuali
Il Modello Unico di Dichiarazione ambientale è articolato in Comunicazioni che devono essere presentate dai soggetti tenuti all’adempimento, immutati rispetto al 2015, che sono così individuati:

1.    Comunicazione Rifiuti speciali
•    Chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti;
•    Commercianti ed intermediari di rifiuti senza detenzione;
•    Imprese ed enti che effettuano operazioni di recupero e smaltimento dei rifiuti;
•    Imprese ed enti produttori iniziali di rifiuti pericolosi;
•    Imprese ed enti produttori che hanno più di dieci dipendenti e sono produttori iniziali di rifiuti non pericolosi derivanti da lavorazioni industriali, da lavorazioni artigianali e da attività di recupero e smaltimento di rifiuti, fanghi prodotti dalla potabilizzazione e da altri trattamenti delle acque e dalla depurazione delle acque reflue e da abbattimento dei fumi (così come previsto dall'articolo 184 comma 3 lettere c), d) e g)).
•    Si ricorda inoltre che la Legge 28 dicembre 2015, n. 221 prevede che le imprese agricole di cui all'articolo 2135 del codice civile, nonché' i soggetti esercenti attività ricadenti nell'ambito dei codici ATECO 96.02.01, 96.02.02 e 96.09.02 assolvono all'obbligo di presentazione del modello unico di dichiarazione ambientale, di cui al decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, attraverso la compilazione e conservazione, in ordine cronologico, dei formulari di trasporto.

2.     Comunicazione Veicoli Fuori Uso
•    Soggetti che effettuano le attività di trattamento dei veicoli fuori uso e dei relativi componenti e materiali.

3.     Comunicazione Imballaggi
•    Sezione Consorzi: CONAI o altri soggetti di cui all'articolo 221, comma 3, lettere a) e c).
•    Sezione Gestori rifiuti di imballaggio: impianti autorizzati a svolgere operazioni di gestione di rifiuti di imballaggio di cui all’allegato B e C della parte IV del D.Lgs. 3 aprile 2006, n. 152

4.     Comunicazione Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche
•    soggetti coinvolti nel ciclo di gestione dei RAEE rientranti nel campo di applicazione del D.Lgs. 151/2005.

5.     Comunicazione Rifiuti Urbani, Assimilati e raccolti in convenzione
•    soggetti istituzionali responsabili del servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani e assimilati.

6.     Comunicazione Produttori di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche
•    produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche iscritti al Registro Nazionale e Sistemi Collettivi di Finanziamento.

Note
1)    Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale
2)    Le istruzioni per la compilazione del MUD e le indicazioni per la presentazione del MUD in via telematica sono disponibili ai seguenti indirizzi:
http://mud.ecocerved.it/
http://www.isprambiente.gov.it/it/moduli-e-software/mud-2016

Allegato
Istruzioni aggiuntive di ISPRA

Contatto
Giacomo Borselli, tel.0552707236, e-mail
Luana Berbeglia, tel.0552707268, e-mail

 

Questo contenuto è riservato ai soci. Accedi per leggere tutto.

Accesso utente
   

055 2707