04 Ago 2015

E' stato chiarito, viste le numerose richieste al riguardo, che per il pagamento diretto della CIGO non basta la presentazione telematica del modello SR41, ma è indispensabile anche trasmettere la dichiarazione di responsabilità allegata, debitamente compilata, tramite il fascicolo elettronico aziendale (ovvero anche tramite la casella istituzionale ).

 

 

Contatto:

31 Lug 2015

Confindustria ha pubblicato una nota di aggiornamento relativa al decreto del Ministero dell'Economia e delle Finanze sul credito d'imposta per attività di ricerca e sviluppo, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 29 luglio 2015.

il documento analizza i contenuti del decreto e della correlata relazione illustrativa e fornisce primi chiarimenti sul beneficio fiscale.

 

Contatto

Area Economia e Diritto d'Impresa – Enrico Dragoni

Tel. n. 055/2707241, e-mail:

30 Lug 2015

Obiettivi e contenuti

Il Comune  di Firenze, in collaborazione con la Camera di Commercio, Confindustria e le altre associazioni di categoria presenti sul territorio fiorentino, organizza un incontro con una delegazione economico-istituzionale di Ningbo, un'area della Cina cresciuta a ritmo molto elevato negli ultimi anni e destinata a svilupparsi ulteriormente nel prossimo futuro.

29 Lug 2015

Con decorrenza 1/7/2015 i minimi di paga base e stipendio variano secondo quanto previsto dall’accordo nazionale 1/7/2014. Trasmettiamo pertanto in allegato la tabella con i nuovi minimi di  paga base oraria per gli operai e di stipendio mensile per gli impiegati, nonché i minimi di retribuzione per gli addetti a lavori di semplice attesa o custodia e per gli apprendisti.

Trasmettiamo inoltre le tabelle del costo medio orario della mano d’opera degli operai edili aggiornato al 1 luglio 2015 con le relative note. 

 

 

29 Lug 2015

Riportiamo in Allegati la Circolare n. 19879 del 28 luglio 2015 dell'Area Politiche Fiscali di Confindustria, recante approfondimenti in materia fiscale  relativamente al mese di giugno 2015.

 

Contatto

Area Economia e Diritto d'Impresa – Enrico Dragoni

Tel. n. 055/2707241, e-mail:  

28 Lug 2015

Premessa

La conciliazione prevede che il datore di lavoro offra al lavoratore che impugna il licenziamento una somma predeterminata, in modo da risolvere la controversia al di fuori delle sedi giudiziali. L’importo, erogabile solo per mezzo di assegno circolare, una volta accettato non sarà considerato nei redditi imponibili del lavoratore.