20 Feb 2019

In questi giorni, stanno arrivando alle aziende le lettere degli impianti di discarica che comunicano l’incremento dal 1 gennaio del tributo regionale per il conferimento in discarica (e negli inceneritori senza recupero energetico) dei rifiuti.

L’incremento deriva da una legge regionale del 2016 che non era stato applicato fino ad oggi perché a livello nazionale era intervenuta una norma che bloccava qualsiasi incremento di tributi regionali o locali; quest’ultima norma non è stata reiterata nell’ultima finanziaria statale per il 2019 e pertanto sono stati resi attuativi gli incrementi di cui alla Legge regionale.

Segnalo in particolare l’incremento dell’aliquota per i rifiuti speciali (diversi dagli inerti ecc) da 10,33 euro a tonnellata a 15 euro.

Confindustria sta rappresentando alla Regione le forti criticità che la situazione sta generando, in considerazione del fatto che sono aperti i tavoli sull’economia circolare per alcuni settori e che comunque in generale il tributo colpisce lo smaltimento in discarica in una regione dove mancano gli impianti di termovalorizzazione alternativi alle discariche stesse.

Vi terremo aggiornati sull’evoluzione  e vi invitiamo a segnalare ai nostri uffici le criticità e l’impatto che la norma sta producendo alle nostre imprese.