23 Ott 2015

Premessa
Con il D.Lgs. 151/2015, in vigore dallo scorso 24 settembre, sono state apportate alcune modifiche al D.Lgs. 81/2008 (vedi precedenti comunicati). Esteso il regime sanzionatorio di cui all’art.55 del D.Lgs. 81/2008. Sono individuate una serie di disposizioni (invio dei lavoratori a sorveglianza sanitaria e di formazione lavoratori, dirigenti, preposti, RLS, addetti al primo soccorso e addetti prevenzione incendi) la cui violazione determina:
•    il raddoppio dell’importo della sanzione, qualora la violazione si riferisca a più di cinque lavoratori;
•    la triplicazione dell’importo della sanzione, qualora la violazione si riferisca a più di dieci lavoratori.

Le nuove sanzioni
•    Mancato invio dei lavoratori alla visita medica periodica e mancata richiesta al medico competente dell’osservanza degli obblighi previsti a suo carico: ammenda da € 2.000 a € 4.000.
•    Mancata o inadeguata formazione del lavoratore in materia di salute e sicurezza: arresto da due a quattro mesi o ammenda da € 1.200 a € 5.200.
•    Mancata o inadeguata formazione dei dirigenti e dei preposti in materia di salute e sicurezza sul lavoro: arresto da due a quattro mesi o ammenda da € 1.200 a € 5.200.
•    Mancata o inadeguata formazione dei lavoratori incaricati dell’attività di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione dei luoghi di lavoro in caso di pericolo grave ed immediato, salvataggio, di primo soccorso e, comunque, di gestione dell’emergenza: da due a quattro mesi o ammenda da € 1.200 a € 5.200.
•    Mancata od insufficiente formazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza: arresto da due a quattro mesi o ammenda da € 1.200 a € 5.200.

Contatto
Giacomo Borselli, tel.0552707236, e-mail

Questo contenuto è riservato ai soci. Accedi per leggere tutto.

Accesso utente
   

055 2707