17 Set 2020

“La crescita delle competenze di tutto il sistema produttivo era urgente già prima della pandemia. Oggi è ancora più inderogabile; è la vera priorità del Paese, come hanno detto anche i sindacati. Guai a noi se non sapremo reagire in maniera adeguata a questa esigenza che ha implicazioni fortissime a livello economico e sociale, soprattutto riguardo al futuro del nostro territorio e dei nostri giovani; visto lo skill shortage sofferto anche da noi. Mi riferisco a quelle competenze che le aziende non riescono a trovare sul territorio”.

Il presidente di Confindustria Firenze Maurizio Bigazzi esprime la sua soddisfazione per la nascita della Big Academy, presentata oggi al Teatro Niccolini e sottolinea: “siamo orgogliosi che Big Academy abbia preso le mosse dalle nostre multinazionali, che condividono expertise e know how e lo mettono a disposizione. E ringrazio la Fondazione CR Firenze che investe in questo progetto. La sfida della formazione delle competenze è cruciale per il futuro del tessuto industriale fiorentino e toscano ed è un tema prioritario anche per l’attrattività del nostro territorio”.

“Confindustria Firenze ringrazia le 5 grandi aziende, eccellenze della metalmeccanica, dell’elettronica, dell’energia e l’Università di Firenze per questo progetto di alta formazione che unisce le rispettive competenze e conoscenze e le mette al servizio di tutto il comparto manifatturiero che sta lavorando concentrato per la ripresa”.

“Alle istituzioni – dal Comune alla città metropolitana, alla Regione -, rivolgo l’auspicio che sappiano cogliere le opportunità che verranno da questa Accademia di alta formazione manageriale – conclude Bigazzi -, accompagnando e facilitando gli sforzi di quelle aziende che sceglieranno di investire nel nostro territorio, anche grazie alle competenze che Big Academy potrà fornire loro”.