Il Ministero dello Sviluppo economico ha emanato una direttiva (in allegato) con la quale fornisce maggiori dettagli in merito ai 400 milioni di euro stanziati dal DL “Cura Italia” per i Contratti di sviluppo. In particolare si precisa che questi fondi sono destinati al finanziamento di programmi strategici e innovativi sul territorio, di grandi dimensioni, con priorità agli investimenti per la produzione di dispositivi sanitari e di materiale biomedicale funzionali a fronteggiare l’emergenza causata dal Covid-19.

Queste risorse si aggiungono ai 200 milioni di euro già previsti nella Legge di bilancio, per un ammontare complessivo di 600 milioni di euro.

La ripartizione dei fondi così destinati ai Contratti di sviluppo, gestiti da Invitalia, è la seguente:

  • 200 milioni di euro per le nuove domande relative allo sviluppo del settore biomedicale e della telemedicina, con particolare riferimento a quelle connesse al rafforzamento del sistema nazionale di produzione di apparecchiature e dispositivi medicali, nonché tecnologie e servizi finalizzati alla prevenzione delle emergenze sanitarie;
  • 100 milioni di euro per le nuove domande relative allo sviluppo della green economy, alla tutela ambientale o con rilevante impatto ambientale attinenti alla trasformazione tecnologica di prodotti e processi produttivi in ottica di sostenibilità ambientale e di economia circolare;
  • 300 milioni di euro per le domande presentate a Invitalia precedentemente all’emanazione della direttiva allegata.

Inoltre, sempre nell’ottica di fronteggiare l’emergenza sanitaria causata dal Covid-19, il Ministero autorizza Invitalia a dare priorità alla valutazione delle domande riguardanti gli investimenti per la produzione di dispositivi sanitari e materiale biomedicale.