21 Gen 2022

Confindustria Firenze ricorda ai datori di lavoro obbligati all’invio del prospetto informativo disabili che la trasmissione telematica deve essere effettuata entro il 31 gennaio 2022.

 

Indice dei contenuti

Premessa

Il prospetto informativo è una dichiarazione con il quale i datori di lavoro con almeno 15 dipendenti comunicano la situazione del personale occupato al 31 dicembre 2021 ai fini dell’applicazione della normativa sul collocamento dei disabili (Legge 68/99).

 

In evidenza

Si ricorda che l’obbligo di assunzione scatta già dalla 15° unità: il periodo per mettersi in regola è di 60 giorni.

Alle aziende appartenenti alla fascia 15-35 dipendenti è consigliato l’invio del prospetto informativo anche qualora al 31 dicembre 2021 non ci siano state nuove assunzioni o cessazioni.

I datori di lavoro che hanno sede in due o più regioni devono inviare la denuncia presso la Regione dove è ubicata la sede legale.

Il prospetto potrà essere inviato solamente per via telematica.

La documentazione è disponibile sul sito di Cliclavoro – Prospetto informativo Modelli e Guide.

Si ricorda che è di fondamentale importanza fornire all’interno del prospetto informativo le informazioni sui cosiddetti “posti disponibili”, specificando le caratteristiche delle posizioni vacanti in azienda e le relative mansioni e competenze, al fine di evitare l’avviamento numerico da parte degli uffici competenti.

Nel caso di malfunzionamenti dei servizi informatici, i servizi competenti pubblicano i periodi in cui si sono verificati i malfunzionamenti. I soggetti obbligati ed abilitati potranno effettuare l’adempimento il primo giorno utile.

E’ permesso l’invio di rettifiche.

 

Sanzioni

Si ricordano le sanzioni previste dall’art. 15 della legge n. 68/1999:

  • mancata presentazione del prospetto informativo: 702,43 euro, maggiorata di 34,02 euro per ogni giorno di ritardo;
  • mancata copertura della quota di riserva: 153,20 euro per ogni giorno lavorativo di ritardo nell’assunzione del disabile. La sanzione, fissa ma progressiva, è diffidabile (1/4 dell’importo complessivo) a condizione che il datore di lavoro, oltre alla presentazione del prospetto informativo, sottoscriva il contratto di assunzione con il portatore di handicap.