12 Ott 2021

In Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il DL recante “Disposizioni urgenti per l’accesso alle attività culturali, sportive e ricreative, nonché per l’organizzazione di pubbliche amministrazioni e in materia di protezione dei dati personali” (c.d. DL Capienze).
Il DL, in vigore dallo scorso 9 ottobre, modifica alcune disposizioni del DL inerente la ripresa delle attività economiche.

Obbligo di green pass nel lavoro pubblico e privato

E’ state recepita l’interpretazione di Confindustria in ordine alla c.d. comunicazione preventiva del mancato possesso del green pass su richiesta dal datore di lavoro per ragioni organizzative.
In caso di richiesta del datore di lavoro, i lavoratori sono tenuti a rendere la comunicazione con un preavviso necessario a soddisfare specifiche esigenze organizzative volte a garantire l’efficace .
La ratio dell’obbligo di green pass per i lavoratori è di rafforzare la sicurezza nei luoghi di lavoro e di sostenere, e non rallentare, le attività imprenditoriali.  La norma chiarisce che il nuovo sistema di controlli green pass non investe le prerogative organizzative del datore di lavoro, che è legittimato a richiedere ai lavoratori di comunicare preventivamente il mancato possesso del green pass.
La richiesta del datore di lavoro può intendersi formulata:

  • nell’ambito della procedura aziendale, in base alla quale la comunicazione preventiva costituisce una fase del processo di controllo implementato dal datore di lavoro tenendo conto delle proprie specifiche esigenze organizzative “ordinarie”,
  • all’occorrenza, qualora sopravvenga una nuova esigenza organizzativa.

In ogni caso, rimane in capo al datore di lavoro l’obbligo di controllare i lavoratori che non abbiano effettuato la comunicazione preventiva e che accedono ai luoghi di lavoro.

Capienza per gli spettacoli aperti al pubblico

Capienza in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, locali di intrattenimento e musica dal vivo e in altri locali o spazi anche all’aperto.

Il DL, nel confermare per le zone gialle e bianche, l’accesso agli spettacoli esclusivamente ai soggetti muniti di green pass e la partecipazione con posti a sedere preassegnati, in zona gialla prevede una capienza superiore al 50% di quella massima autorizzata e in zona bianca consente la capienza massima autorizzata.

In caso di spettacoli aperti al pubblico che si svolgono in luoghi ordinariamente destinati agli eventi e alle competizioni sportivi, si applicano le disposizioni previste per gli eventi sportivi.


Attività in sale da ballo, discoteche e locali assimilati

Il DL ne consente lo svolgimento nel rispetto dei protocolli e linee guida, prevedendo una capienza non superiore al 75% di quella massima autorizzata all’aperto e al 50 % al chiuso. L’accesso è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di green pass, per i quali restano fermi gli obblighi di indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie, a eccezione del momento del ballo.