23 Feb 2021

È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto attuativo del Ministero dello Sviluppo economico che, di concerto con il Ministero dell’Economia, definisce le modalità di attuazione del nuovo incentivo per le persone fisiche che investono in startup e PMI innovative.

 In cosa consiste e a chi spetta l’agevolazione

Tutti i soggetti persone fisiche che effettuano investimenti in start-up e PMI innovative sotto forma di conferimenti in denaro iscritti alla voce del capitale sociale e della riserva da sovrapprezzo delle azioni o quote della società hanno diritto a beneficiare dell’agevolazione fiscale prevista dal decreto.

Al soggetto investitore spetta una agevolazione fiscale sotto forma di detrazione dell’imposta lorda di importo che varia in base al tipo di società beneficiaria dell’investimento, start-up innovativa o PMI innovativa.

A quanto ammonta l’incentivo

La detrazione, come anticipato, varia a seconda se l’investimento è effettuato nei confronti di una start-up innovativa o di una PMI innovativa.

  1. Per investimenti in start-up innovative spetta una detrazione pari al 50% dell’investimento. L’importo dell’investimento ammesso all’agevolazione è al massimo pari a 100.000 € con conseguente detrazione massima pari a 50.000 €;
  2. Per investimenti in PMI innovative spetta una detrazione pari al 50% dell’investimento fino a investimenti di importo inferiore a 300.000 € e del 30% dell’investimento per la parte eccedente i 300.000 €.

La detrazione in oggetto è utilizzabile da soggetto investitore nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta in cui il soggetto stesso ha effettuato l’investimento nell’impresa beneficiaria.

 Cosa fare per ottenere l’agevolazione

Prima di ricevere il conferimento in denaro da parte del soggetto investitore, l’impresa beneficiaria del finanziamento deve presentare apposita istanza tramite la piattaforma informatica che sarà predisposta a breve sul sito del MISE.

Per gli investimenti effettuati nel corso dell’anno 2020, ai fini del riconoscimento dell’incentivo in capo al soggetto investitore, l’impresa beneficiaria può presentare l’istanza successivamente all’investimento stesso, purché nel periodo compreso tra il 1° marzo e il 30 aprile 2021.

L’istanza (dichiarazione sostitutiva ex DPR 445/2000) deve contenere: gli elementi identificativi dell’impresa beneficiaria, del soggetto investitore; l’ammontare dell’investimento che il soggetto investitore intende effettuare; l’ammontare della detrazione che il soggetto investitore intende richiedere.

 

Seguiranno ulteriori aggiornamenti su questa pagina non appena disponibili.