Smart working: prorogata al 31 agosto 2022 la modalità di comunicazione semplificata

Mag 2, 2022

Print Friendly, PDF & Email

Indice dei contenuti

Premessa

La Commissione Affari sociali della Camera – in sede di esame del disegno di legge di conversione al decreto-legge n. 24 del 2022 (Covid riaperture) – ha approvato l’emendamento che proroga al 30 giugno il regime di tutela per i lavoratori fragili e il diritto al lavoro agile anche per i genitori di figli con fragilità, nonché fino al 31 agosto la modalità di comunicazione semplificata da parte delle aziende per tutti i lavoratori del settore privato.

 

In evidenza

Due sono pertanto le novità nel testo vigente al 2 maggio 2022: la prima riguarda i lavoratori fragili, per i quali è stato prorogato al 30 giugno il regime di tutela, ovvero il diritto allo smart working per tutti i fragili e, per specifiche categorie di fragili, ove non sia possibile svolgere lavoro in modalità agile, equiparazione al ricovero ospedaliero. Si ricorda, al proposito – e come già evidenziato in un precedente articolo – che nel testo originario del D.L. n. 24/22 mancava completamente la parte relativa alla proroga del lavoro agile per i lavoratori fragili. Infatti, l’unica proroga al 30 giugno 2022 per i fragili contenuta nella versione definitiva del D.L. pubblicata in Gazzetta Ufficiale, riguardava la sorveglianza sanitaria.

La seconda riguarda, invece, tutti i lavoratori del settore privato: anche per loro, il ricorso al lavoro agile “semplificato”, è stato prorogato dal 30 giugno al 31 agosto 2022.

 

Come fare

Con la procedura semplificata, effettuabile esclusivamente attraverso il sistema telematico previsto sul sito www.cliclavoro.gov.it, il datore di lavoro del settore privato può comunicare l’avvio dello smart working anche per più lavoratori (comunicazione “massiva”) senza l’obbligo di allegare alcun accordo con il singolo lavoratore. Alla procedura telematica dovrà essere incluso esclusivamente il file Excel (scaricabile QUI) contenente i dati obbligatori richiesti.

ARTICOLI CORRELATI

Ulteriore esonero contributivo dell’1,2%

Premessa La legge Bilancio 2022 ha previsto “un esonero sulla quota dei contributi previdenziali per l'invalidità, la vecchiaia e i superstiti a carico del lavoratore di 0,8 punti percentuali a...

RICERCA