Sostanze estremamente preoccupanti: Obblighi di notifica alla Banca Dati SCIP

Dic 21, 2020

Segnaliamo che a partire dal 5 gennaio 2021, dovranno essere trasmesse all’ECHA, da parte di produttori, importatori e distributori, le informazioni sugli articoli contenenti sostanze estremamente preoccupanti (presente nell’elenco di sostanze candidate) in una concentrazione superiore allo 0,1 % p/p e immesse sul mercato dell’UE. 

Al seguente link è presente il materiale di supporto pubblicato dall’ECH. Inoltre, segnaliamo che è possibile trasmettere quesiti specifici direttamente all’agenzia tramite la seguente pagina: https://comments.echa.europa.eu/comments_cms/Contact_Other.aspx 

Ricordiamo infine che l’Helpdesk REACH nazionale fornisce supporto alle imprese relativamente all’obbligo di notifica al Database SCIP in collaborazione con la DG Economia Circolare del Ministero dell’Ambiente.  

Per aiutare le imprese alla comprensione della tematica e gli obblighi connessi, sul sito dell’Helpdesk REACH è stata inclusa una pagina informativa sul Database SCIP (https://reach.mise.gov.it/20-scip/239-scip) ed è, inoltre, possibile utilizzare la funzione “quesito SCIP” nella pagina “Invia un quesito” (https://reach.mise.gov.it/contatta-helpdesk), previa registrazione. 

ARTICOLI CORRELATI

Bonus 200 euro: come funziona – aggiornamento

Premessa L’INPS, con il messaggio n. 2505 del 21 giugno 2022, in merito all’erogazione dell’indennità una tantum di 200 ai lavoratori dipendenti, precisa quale sia “la retribuzione erogata nel mese...

RICERCA