Parte la prima “fast call” promossa dal Ministero per l’Innovazione, il Ministero della Salute e l’Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con l’Organizzazione Mondiale della Sanità, e che riguarda i servizi di telemedicina e data analysis. Sarà online per tre giorni, a partire da martedì 24 marzo alle ore 13.

Obiettivo è individuare le migliori soluzioni digitali disponibili relativamente a:

  • app di telemedicina e assistenza domiciliare dei pazienti, sia per patologie legate a COVID-19, sia per altre patologie, anche di carattere cronico. Rientrano in questo ambito app e chatbot per l’automonitoraggio delle condizioni di salute, rivolte a tutti i cittadini o solo ad alcune fasce (come i soggetti sottoposti a isolamento fiduciario);
  • tecnologie e soluzioni per il tracciamento continuo, l’alerting e il controllo​ tempestivo del livello di esposizione al rischio delle persone e conseguentemente​ dell’evoluzione dell’epidemia sul territorio. Rientrano in questo ambito strumenti di analisi di Big Data, tecnologie hardware e software utili per la gestione dell’emergenza sanitaria.

La call è aperta a soggetti pubblici e privati (ma non singole persone o liberi professionisti) che abbiano proposte già realizzate e disponibili per l’implementazione in tempi e compatibili con l’emergenza.

Modalità di partecipazione: è necessario compilare un form dedicato ai due temi evidenziati, a partire da martedì 24 marzo ore 13 e fino a giovedì 26 marzo ore 13. Per accedere al form clicca QUI. Verranno contattati solo i proponenti di soluzioni compatibili con i requisiti per la partecipazione e ritenute adatte dal gruppo di lavoro, in tempi e modi compatibili con le caratteristiche della proposta e la priorità emergenziale.

Per maggiori informazioni consultare la pagina del Ministero per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione.