Trasformazione del contratto di apprendistato

Apr 11, 2019

Il contratto di apprendistato si configura come un contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato. Il datore di lavoro deve di impartire la formazione idonea a consentire all’apprendista di acquisire le competenze necessarie all’inserimento nel mondo del lavoro e a conseguire una qualifica professionale.

Ai sensi del decreto legislativo n.226 del 2005 è possibile trasformare il contratto di apprendistato di primo livello in apprendistato professionalizzante.

La trasformazione del contratto implica la continuità del rapporto di lavoro stipulato tra le parti e un prolungamento del periodo di formazione.

Per i datori di lavoro che hanno un numero di addetti pari o inferiore a nove la complessiva aliquota del 10% è ridotta in base all’anno di vigenza del contratto di:

  • 8,5 punti percentuali per il primo anno
  • 7 punti percentuali per il secondo anno
  • Resta del 10% per gli anni successivi al secondo

Le assunzioni effettuate a decorrere dal 24 settembre 2015 hanno un’aliquota contributiva pari al 5% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali.

Successivamente, a decorrere della data di trasformazione, l’aliquota di contribuzione a carico del datore è pari al 10% della retribuzione imponibile ai fini previdenziali.

La trasformazione del contratto prevista dall’art 43, comma 9, non comporta la costituzione di un nuovo rapporto di lavoro.

Il datore di lavoro è  tenuto al versamento dell’aliquota di finanziamento:

-della Naspi nella misura dell’ 1,31%

-del contributo integrativo destinabile al finanziamento dei fondi inter professionali per la formazione continua pari allo 0,30%

a cura di Raffaele fabiano

 

 

ARTICOLI CORRELATI

Bonus 200 euro: come funziona – aggiornamento

Premessa L’INPS, con il messaggio n. 2505 del 21 giugno 2022, in merito all’erogazione dell’indennità una tantum di 200 ai lavoratori dipendenti, precisa quale sia “la retribuzione erogata nel mese...

RICERCA