AL VIA LE ISTANZE PER IL CONTRIBUTO PEREQUATIVO

Nov 30, 2021

Print Friendly, PDF & Email

Da ieri, 29 novembre, e fino al 28 dicembre 2021 possono essere presentate le istanze per accedere al contributo cd. “perequativo” previsto dal DL Sostegni-bis. Con il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate emanato ieri sono state definite le modalità, il contenuto e i termini di presentazione della domanda.

A chi spetta

Il contributo può essere richiesto dai soggetti titolari di partita Iva che svolgono attività di impresa o di lavoro autonomo o che sono titolari di reddito agrario, e che sono residenti o stabiliti in Italia.

I requisiti per poter accedere all’agevolazione sono i seguenti:

  • Aver conseguito nell’anno 2019 un ammontare di ricavi o compensi non superiori a 10 milioni;
  • Aver presentato entro il 30 settembre 2021 la dichiarazione dei redditi relativa al periodo di imposta in corso al 31 dicembre 2020;
  • L’ammontare del risultato economico d’esercizio relativo al periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2020 deve essere inferiore almeno del 30% rispetto all’ammontare del risultato economico d’esercizio relativo al periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2019.

 

A chi non spetta

Il contributo a fondo perduto non spetta nei seguenti casi:

  • Soggetti che hanno attivato la partita Iva successivamente al 26 maggio 2021;
  • Soggetti la cui attività è cessata e quindi la partita Iva è stata chiusa alla data del 26 maggio 2021;
  • Enti pubblici;
  • Intermediari finanziari.

 

Entità dell’aiuto

Si fa presente che dopo aver calcolato la differenza tra il risultato economico d’esercizio tra il 2019 e il 2020 è necessario diminuire detta differenza dell’importo complessivo dei contributi a fondo perduto ottenuti dal richiedente.

I contributi ricevuti da sottrarre alla differenza sono i seguenti:

  • “contributo Rilancio”;
  • “contributo centri storici” e “contributo santuari”;
  • “contributo Comuni montani”;
  • “contributo Ristori”, “contributo Ristori bis” e “contributo maggiorazione 50% zone rosse”;
  • “contributo Natale”;
  • “contributo Sostegni”;
  • “contributo Sostegni bis automatico”;
  • “contributo Sostegni bis attività stagionali”;

 

Ad esempio, se il richiedente ha avuto un calo del risultato economico d’esercizio del 2020 rispetto al 2019 pari a 50.000€ e ha ottenuto contributi a fondo perduti rientranti in quelli sopraelencati per € 10.000, la base di calcolo del contributo sarà così calcolata 50.000 – 10.000 = 40.000.

Per quantificare l’importo del contributo è necessario applicare alla base di calcolo una percentuale che varia a seconda dell’ammontare dei ricavi e compensi del 2019. 

Le percentuali previste sono le seguenti:

  • 30%, se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 sono inferiori o pari a 100.000 euro
  • 20%, se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano i 100.000 euro ma non l’importo di 400.000 di euro
  • 15%, se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano i 400.000 euro ma non l’importo di 1.000.000 di euro
  • 10%, se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano 1.000.000 di euro ma non l’importo di 5.000.000 di euro
  • 5%, se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano 5.000.000 di euro ma non l’importo di 10.000.000 di euro.

Il contributo spetta per un importo massimo di 150.000€ e non è previsto un contributo minimo.

 

Modalità di presentazione dell’istanza

I contribuenti in possesso dei requisiti previsti possono richiedere il contributo mediante la presentazione di una specifica istanza che può essere presentata dal 29 novembre al 28 dicembre 2021. Il modello e le relative istruzioni di compilazione sono stati approvati con il provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate del 29 novembre 2021.

 

Modalità di erogazione

L’importo riconosciuto del contributo può essere, a scelta del richiedente, erogato sotto forma di contributo a fondo perduto con accredito sul conto corrente oppure ottenuto sotto forma di credito d’imposta utilizzabile in compensazione tramite modello F24.

ARTICOLI CORRELATI

Prorogato il tax credit per la quotazione delle PMI.

Con l’art. 1 comma 395 della Legge di bilancio 2023, viene disposta la proroga per il 2023 del credito d’imposta per la quotazione delle PMI, con incremento del limite massimo a 500.000 euro. In...

RICERCA