È aperta la call europea LIFE 2020, il principale strumento di finanziamento dell’Unione Europea dedicato all’ambiente e al clima.

In risposta all’emergenza Covid-19 sono state introdotte, oltre allo slittamento delle date di scadenza delle call, una serie di novità che riguardano ad esempio:

  • la possibilità di avere un confronto con un esperto EASME (Executive Agency for Small and Medium-sized Enterprises) in fase di sviluppo della proposta;
  • la facilitazione delle procedure di selezione dei fornitori per i partner privati;
  • l’inserimento di una sezione dedicata alle startup, con l’obiettivo che vengano coinvolte dalle grandi imprese nei progetti Life.

Di seguito le principali caratteristiche del programma LIFE 2020.

SOTTOPROGRAMMI E PRIORITÀ

Il programma LIFE è strutturato in due sottoprogrammi:

Ambiente, con le seguenti priorità:

  • Ambiente ed efficienza delle risorse
  • Natura e Biodiversità
  • Governance dell’ambiente e Informazione

Azione sul clima, con le seguenti priorità:

  • Mitigazione dei cambiamenti climatici
  • Adattamento ai cambiamenti climatici
  • Governance sul clima e informazione

OBIETTIVI

Le priorità del programma LIFE confermano la particolare attenzione alla promozione di progetti vicini al mercato: il finanziamento non è diretto alla ricerca o agli investimenti nelle tecnologie esistenti, ma premia i risultati di sviluppo, l’implementazione diffusa ed il miglioramento delle soluzioni innovative. L’aspetto dimostrativo sarà quindi particolarmente importante e i progetti saranno valutati in base alla fattibilità tecnica ed economica dell’introduzione su larga scala della soluzione proposta.

Obiettivi del sottoprogramma per l’Ambiente

  • sviluppare, testare e dimostrare approcci politici o gestionali, migliori pratiche e soluzioni alle sfide ambientali; sostegno alla politica e alla legislazione relative all’efficienza delle risorse, compresa la tabella di marcia verso un’Europa efficiente nell’impiego delle risorse
  • migliorare la base di conoscenze per lo sviluppo, l’attuazione, la valutazione, il monitoraggio e la valutazione della politica e della legislazione in materia di ambiente dell’Unione e per la valutazione e il monitoraggio di fattori, pressioni e risposte che incidono sull’ambiente all’interno e all’esterno dell’Unione

Ambiti di applicazione: acqua, compreso l’ambiente marino; rifiuti; efficienza delle risorse, compresi suolo e foreste, economia verde e circolare; priorità tematiche per l’ambiente e la salute, compresi prodotti chimici e rumore; priorità tematiche per la qualità dell’aria e le emissioni, compreso l’ambiente urbano.

Obiettivi del sottoprogramma per l’azione sul Clima

  • contribuire allo spostamento verso un’economia efficiente nell’impiego delle risorse, a basse emissioni di carbonio e resiliente al clima;
  • migliorare lo sviluppo, l’attuazione e l’applicazione della politica e della legislazione climatiche dell’Unione;
  • agire da catalizzatore e promuovere l’integrazione e l’integrazione degli obiettivi climatici nelle altre politiche dell’Unione e nelle pratiche del settore pubblico e privato;
  • sostenere una migliore governance climatica a tutti i livelli, compreso un migliore coinvolgimento della società civile, delle ONG e degli attori locali.

TIPOLOGIE DI PROGETTI FINANZIABILI

  • progetti pilota: applicano tecniche o metodi che non sono stati testati o applicati prima e che potrebbero offrire vantaggi ambientali o climatici rispetto alle attuali best practice e che potranno essere applicati su larga scala e altrove;
  • progetti dimostrativi: pratiche, test, valutazioni e azioni di disseminazione, metodologie o approcci che sono nuovi o non usati nel contesto specifico del progetto;
  • progetti di buone pratiche: applicano tecniche, metodi e approcci adeguati, efficaci sotto il profilo economico e all’avanguardia, tenendo conto del contesto specifico del progetto;
  • progetti di informazione, sensibilizzazione e diffusione: volti a sostenere la comunicazione, la divulgazione di informazioni e la sensibilizzazione nell’ambito del sottoprogramma Azione per il clima.

BENEFICIARI

  • Imprese
  • Enti Pubblici
  • Organizzazioni non commerciali private (incluse ONG)

E’ ammissibile una proposta presentata anche da un soggetto singolo. La presenza di partner associati può tuttavia fornire un valore aggiunto al progetto rafforzandone l’impatto, il valore aggiunto europeo, la trasferibilità etc.

FINANZIAMENTO

Dimensione dei progetti: non esiste un valore minimo prefissato per il budget del progetto. Tuttavia, in passato sono stati finanziati più spesso grandi progetti (oltre 5 milioni di euro), mentre piccoli progetti (cioè meno di 500.000 euro di costi totali) hanno avuto basse percentuali di successo a causa dei risultati circoscritti e, di conseguenza, del basso valore aggiunto.

Finanziamento UE: il tasso massimo di cofinanziamento dell’UE per i progetti LIFE è pari al 55% dei costi totali ammissibili del progetto. Un’eccezione è fatta per i progetti LIFE nell’area prioritaria Natura e biodiversità, nell’ambito del sottoprogramma Ambiente, per il quale il tasso di cofinanziamento dell’UE può arrivare fino al 60% o al 75% in casi specifici.

SCADENZE

  • Call Ambiente: 14 luglio 2020
  • Call Azione sul Clima: 6 ottobre 2020

Per maggiori dettagli si rimanda al sito del programma LIFE

Il 30 aprile si terrà un Virtual Info Day relativo ai bandi LIFE 2020. Per partecipare è necessario effettuare la registrazione al seguente link entro il 25 aprile.