Artes 4.0 apre un bando per progetti di R&S in risposta all’emergenza Covid-19

Mar 27, 2020

Il Centro di Competenza Artes 4.0 promuove un bando a sostegno di progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale che sfruttino le tecnologie 4.0 con l’obiettivo di contenere gli effetti sociali ed economici a breve e lungo termine dettati dall’emergenza Covid-19. La misura apre con una dotazione iniziale di 550.000 euro, integrabile con eventuali economie che dovessero generarsi da altre iniziative del Centro di Competenza e grazie a contributi messi a disposizione da altri finanziatori.

I progetti ammissibili al finanziamento devono essere integralmente compresi in una delle seguenti aree tecnologiche:

  • Robotica e macchine collaborative
  • Sistemi di Intelligenza Artificiale
  • Tecnologie per l’ottimizzazione real-time di processo
  • Realtà aumentata, virtuale e sistemi di telepresenza multisensoriale e Human Computer Interaction
  • Soluzioni 4.0 per la tutela della salute dei lavoratori e la sicurezza sul lavoro
  • Digitalizzazione e robotizzazione di processi per aumentare la produttività e la sicurezza degli operator
  • Tecnologie per la security, “Cyber” e non, “augmented” (anche mediante droni) in aree contaminate e/o in quarantena

Beneficiari: start up, micro piccole e medie imprese, grandi imprese, in forma singola o di partenariati. Le Università e gli Organismi di Ricerca possono partecipare alle proposte progettuali non come partner, ma come fornitori di beni e servizi nell’ambito di collaborazioni di ricerca, ricerca contrattuale, servizi di consulenza e servizi equivalenti.

Ambiti applicativi dei progetti (elenco non esaustivo): contenimento dell’emergenza sanitaria; attività lavorative a distanza (smart working); sanificazione degli ambienti; predisposizione di strutture sanitarie a supporto degli ospedali (es. pre-triage); diagnostica, terapia e gestione clinica per il contenimento e la prevenzione; salute e sicurezza nei luoghi di lavoro; monitoraggio e assistenza a pazienti in isolamento; sistemi di assistenza clinica a distanza; decontaminazione; equipaggiamenti protettivi per il personale medico coinvolto in prima linea nell’emergenza; sistemi di monitoraggio dei parametri vitali (es. misurazione di temperatura nelle aree pubbliche e nei porti di ingresso); ecc.

Forma e intensità di aiuto: contributi a fondo perduto concessi nella misura massima del 50% per costi relativi alla ricerca industriale, 25% per quelli relativi allo sviluppo sperimentale. L’importo massimo concedibile ammonta a 100.000 euro per ciascun progetto.

Spese ammissibili: costi di personale, strumentazioni e attrezzature, consulenza e beni immateriali (max 50% dei costi complessivi), spese generali (max 25% dei costi complessivi)

Presentazione delle domande: la procedura di presentazione delle proposte si svolge in una singola Fase ed è possibile accedere alla piattaforma di sottomissione delle proposte cliccando QUI.  Le domande dovranno essere compilate e inviate entro e non oltre il 19 aprile alle ore 17.00.

In allegato il bando e i documenti da presentare.

ARTICOLI CORRELATI

Bonus 200 euro: come funziona – aggiornamento

Premessa L’INPS, con il messaggio n. 2505 del 21 giugno 2022, in merito all’erogazione dell’indennità una tantum di 200 ai lavoratori dipendenti, precisa quale sia “la retribuzione erogata nel mese...

RICERCA