Attrazione investimenti esteri – Regione Toscana: opportunità per progetti di ricerca e sviluppo.

Gen 24, 2024

Print Friendly, PDF & Email

E’ in fase di apertura una interessante opportunità per imprese internazionali che realizzano in Toscana nuove attività di ricerca e sviluppo e che favoriscono l’attrazione di investimenti sul territorio regionale.

Con Delibera n. 1454/23 la Giunta regionale, anche raccogliendo le istanze avanzate dal sistema confindustriale toscano, ha infatti approvato gli indirizzi di una misura che ha l’intento di sviluppare e rafforzare le capacità di ricerca e di innovazione e l’introduzione di tecnologie avanzate, attraverso strumenti funzionali all’attrazione di investimenti esteri.

Lo stanziamento del bando è pari a 5,2 milioni di euro, incrementabili fino a 10 milioni di euro.

Destinatari

Sono destinatari del bando:

  • grandi Imprese a capitale estero in collaborazione con almeno una MPMI;
  • piccole imprese a media capitalizzazione a capitale estero – Mid Cap, ossia entità che contano un massimo di 499 dipendenti che non sono PMI, con o senza cooperazione con MPMI;
  • imprese a media capitalizzazione a capitale estero – Mid Cap, ossia entità che contano un massimo di 3.000 dipendenti e che non sono PMI o piccole imprese a media capitalizzazione, in collaborazione con almeno una MPMI.

Ciascuna impresa, sia in qualità di singolo proponente, sia in qualità di capofila o di partner, potrà presentare una sola proposta progettuale.

Tipologia e dimensione dei progetti ammissibili

L’intervento si propone di incentivare in particolare gli investimenti in ricerca, sviluppo e innovazione fino alle fasi di prototipazione e che prevedano un alto grado di innovazione (es. azioni di validazione precoce dei prodotti/processi), con un TRL (Technology Readiness Level) di arrivo pari almeno a 7: Dimostrazione di un prototipo di sistema in ambiente operativo.

Ogni progetto dovrà avere una dimensione minima di 1,5 milioni e massima di 3 milioni di euro.

Spese ammissibili

Sono ammissibili i costi sostenuti a partire dal giorno successivo alla presentazione della domanda e relativi a:

  • spese di personale,
  • strumenti e attrezzature,
  • fabbricati e terreni,
  • costi della ricerca contrattuale, delle competenze tecniche e dei brevetti,
  • spese generali supplementari e altri costi di esercizio.

Agevolazioni

L’aiuto sarà concesso nella forma della sovvenzione in conto capitale con percentuale variabile dal 25% all’80% dei costi ammissibili, in base alla dimensione di impresa e alla tipologia di progetto.

Presentazione delle domande

I tempi e le modalità per la presentazione delle domande saranno definiti con un decreto in fase di approvazione. La misura sarà gestita da Sviluppo Toscana e le domande saranno istruite secondo una procedura di tipo valutativo.

ARTICOLI CORRELATI

Imprese gasivore: inizio controlli annualità 2024

Siglato il Protocollo di intesa ENEA-CSEA per i controlli documentali alle aziende gasivore beneficiare delle agevolazioni. Contesto A seguito della Determina ARERA DSME 2/2024 del 23 aprile 2024,...

RICERCA