Autodichiarazione per Aiuti di stato Covid: ulteriore proroga del termine – 31 gennaio 2023

Dic 6, 2022

Print Friendly, PDF & Email

Considerate le difficoltà ad accedere alla sezione del Registro nazionale degli aiuti di Stato (Rna) per reperire le informazioni utili alla compilazione dell’autodichiarazione per aiuti di stato Covid, l’Agenzia delle Entrate ha previsto che tale adempimento possa essere effettuato entro il termine del 31 gennaio 2023.

Proroga del termine

Con riferimento alla nostra precedente pubblicazione del 22 giugno 2022 (Autodichiarazione per aiuti di stato covid: proroga del termine di presentazione) relativa allo slittamento del termine  di presentazione dell’autodichiarazione per gli aiuti di stato Covid (inizialmente fissato al 30 giugno 2022, prorogato poi al 30 novembre 2022), si segnala che con provvedimento dell’Agenzia delle Entrate (allegato 1) è stato prorogato ulteriormente il termine per l’invio della dichiarazione facendola slittare alla data del 31 gennaio 2023.

Come si legge dal provvedimento, il differimento del termine per la trasmissione telematica del modello di autocertificazione è scaturito dalla difficoltà, riscontrata da alcuni professionisti incaricati di trasmettere l’autodichiarazione, di accesso alla sezione trasparenza del Registro nazionale degli aiuti di Stato (RNA), operazione utile a reperire le informazioni necessarie alla compilazione delle stesse autodichiarazioni.

Con il presente provvedimento è stata disposta anche la proroga del termine per il riversamento degli importi eccedenti i limiti dei massimali previsti dalle Sezioni 3.1 e 3.12 del Temporary Framework.

 

Modello Autodichiarazione

Il primo provvedimento del 27 aprile 2022 aveva definito le modalità, i termini di presentazione e il contenuto dell’autodichiarazione per gli aiuti della Sezione 3.1 e della Sezione 3.12 della Comunicazione della Commissione europea “Temporary Framework”. Successivamente, con il provvedimento del 25 ottobre 2022 (allegato 2), il modello è stato modificato al fine di renderne più agevole la compilazione (allegato 3).

Nel frontespizio del modello, nell’ambito della sezione 3.1 del Temporary Framework, rispetto al primo modello pubblicato, è inserita la nuova casella “ES” che, se barrata, consente ai soggetti dichiaranti di non compilare il quadro A e, quindi, di non indicare l’elenco dettagliato degli aiuti COVID fruiti.

 

ARTICOLI CORRELATI

INPS: massimali 2023

Premessa L’INPS, con circolare  ha dato indicazione degli importi massimali validi per il 2023 CIGO, CIGS E FIS Trattamenti di integrazione salariale  Importo lordo (euro) Importo netto (euro)...

Ticket per i licenziamenti 2023

Premessa Il contributo NASpI deve essere erogato dal datore di lavoro privato in caso di licenziamento del lavoratore assunto a tempo indeterminato o nei casi in cui il rapporto termina senza una...

RICERCA