Contributi per piccole e medie imprese del settore creativo

Giu 6, 2022

Previsto già dalla Legge di Bilancio 2021, apre il Fondo per piccole e medie imprese creative  con una dotazione di 40 milioni di euro. La misura promuove la nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle imprese operanti nel settore creativo, attraverso la concessione di contributi, l’agevolazione nell’accesso al credito e la promozione di strumenti innovativi di finanziamento, nonché altre iniziative per lo sviluppo del settore.

Destinatari

Possono accedere alle agevolazioni tutte le micro, piccole e medie imprese dirette allo sviluppo, creazione, produzione, diffusione e conservazione dei beni e servizi che costituiscono espressioni culturali, artistiche o altre espressioni creative. In particolare, quelle relative ad architettura, artigianato artistico, audiovisivo (compreso cinema, televisione e contenuti multimediali), software, videogiochi, patrimonio culturale materiale e immateriale, ecc. Per un maggiore dettaglio dei codici Ateco si rimanda all’elenco previsto dalla normativa.

Il Fondo si rivolge anche alle imprese di micro, piccola e media dimensione operanti in qualunque settore che intendono acquisire un supporto specialistico nel settore creativo.

Linee di intervento

Le iniziative ammissibili dovranno possedere le seguenti caratteristiche:

  • per le imprese costituite da non più di 5 anni al momento della presentazione della domanda i progetti dovranno riguardare l’avvio o lo sviluppo dell’impresa creativa;
  • per le imprese costituite da più di 5 anni al momento della presentazione della domanda i progetti dovranno riguardare l’ampliamento o la diversificazione della propria offerta di prodotti e servizi o l’introduzione di innovazioni ed efficientamento del processo produttivo.

I servizi specialistici oggetto degli interventi che prevedono la collaborazione delle imprese del settore creativo con le imprese di altri settori produttivi devono avere ad oggetto i seguenti ambiti strategici:

  • azioni di sviluppo di marketing e sviluppo del brand;
  • design e design industriale;
  • incremento del valore identitario del company profile;
  • innovazioni tecnologiche nelle aree della conservazione, fruizione commercializzazione di prodotti di particolare valore artigianale, artistico e creativo.

Spese ammissibili

Le spese ammissibili, fino all’importo massimo di 500.000 euro, sono le seguenti:

  1. immobilizzazioni materiali come impianti, macchinari e attrezzature nuove di fabbrica;
  2. immobilizzazioni immateriali, inclusi brevetti e licenze d’uso;
  3. opere murarie nel limite del 10% del programma ammissibile;
  4. esigenze di capitale circolante (es. materie prime, utenze, costo lavoro dipendente, ecc.) nel limite del 50% del valore di a) + b) + c).

Le spese dovranno essere sostenute successivamente alla data di presentazione della domanda ed entro 24 mesi dalla data di sottoscrizione del provvedimento di concessione.

Agevolazioni

Le agevolazioni prevedono una copertura delle spese ammissibili fino all’80% delle spese ammissibili, così articolata:

  • 40% di contributo a fondo perduto;
  • 40% di finanziamento agevolato, a un tasso pari a zero e della durata massima di dieci anni.

Per le start up innovative e PMI innovative è prevista la possibilità di richiedere la conversione di una quota del finanziamento agevolato concesso in contributo a fondo perduto a fronte di investimenti nel relativo capitale di rischio.

Per interventi volti a promuovere la collaborazione tra imprese creative e soggetti operanti in altri settori, le agevolazioni assumono la forma di contributo a fondo perduto (voucher), fino a copertura del 80% e, comunque, per un importo massimo pari a 10.000 euro.

Presentazione delle domande

Le domande di agevolazione devono essere compilate esclusivamente utilizzando la procedura informatica che sarà messa a disposizione in un’apposita sezione del sito internet di Invitalia.

L’iter di presentazione delle domande di agevolazione è articolato nelle seguenti fasi:

  • compilazione della domanda a partire dalle ore 10.00 del 20 giugno 2022, per gli interventi per la nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle imprese creative, e a partire dalle ore 10.00 del 6 settembre 2022, per gli interventi per la promozione della collaborazione tra imprese creative e soggetti operanti in altri settori;
  • invio della domanda a partire dalle ore 10.00 del 5 luglio 2022, per gli interventi per la nascita, lo sviluppo e il consolidamento delle imprese creative, e a partire dalle ore 10.00 del 22 settembre 2022 per gli interventi per la promozione della collaborazione tra imprese creative e soggetti operanti in altri settori.

In allegato i provvedimenti ministeriali.

ARTICOLI CORRELATI

Assise Piccola Industria

Si sono svolte a Bari lo scorso 17 giugno le Assise della Piccola Industria: https://www.confindustriafirenze.it/eventi/assise-piccola-industria/ Il lavoro di ascolto delle piccole imprese ha...

RICERCA