Come già anticipato, sabato 14 marzo il Governo e le parti sociali hanno firmato un Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del Coronavirus.

Il Protocollo condiviso di regolazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro, a fronte del blocco pressoché totale della maggior parte delle attività produttive decretato con il DPCM 11 marzo 2020, indica le condizioni per garantire la continuità delle attività produttive che possono restare attive.

Condizioni che devono essere contenute in Protocolli di sicurezza anti-contagio per i quali il Governo, secondo il DPCM, favorisce intese tra le Organizzazioni datoriali e sindacali.

In questa ottica, il Presidente del Consiglio dei ministri, nel dare seguito all’indicazione normativa, ha sollecitato le Parti Sociali a condividere immediatamente un Protocollo d’intesa.

Il documento firmato, in attuazione del DPCM 11 marzo 2020, contiene “linee guida” per agevolare le imprese nell’adozione di Protocolli di sicurezza anti-contagio, necessariamente ed espressamente aperto, secondo il principio di sussidiarietà, a integrazioni con misure equivalenti o più incisive secondo le peculiarità di ciascuna organizzazione aziendale.

Le linee guida condivise integrano le condizioni sufficienti che, anche secondo i Sindacati, garantiscono la sicurezza e consentono lo svolgimento dell’attività lavorativa.

Le criticità del momento, a partire dalla carenza di mascherine, costituiscono uno dei punti centrali dell’azione di precauzione da adottare, anche in considerazione del problema da affrontare legato a errate letture delle indicazioni dell’OMS per cui si vorrebbero mettere a disposizione di tutti le mascherine, e non solamente di chi, malato o impegnato in assistenza ai malati ovvero lavora a distanza inferiore di 1 mt dal collega, non ne avrebbe necessità.

Confindustria -ieri 16 marzo- ha preparato una nota illustrativa (allegata) al Protocollo per una più ampia lettura dei principi che animano la logica del documento.