Su sollecitazione di alcune aziende, forniamo alcune precisazioni sulla esecuzione in Regione Toscana dei test sierologici in relazione alla emergenza da Covid-19.       

Nei prossimi giorni prende avvio la campagna di esecuzione dei test sierologici rapidi in relazione alla emergenza pandemica da Covid-19.

Ricordiamo che i soggetti che possono beneficiare (volontariamente) della esecuzione del test sierologico rapido sono specificamente individuati nella Ordinanza n.39 del 19 aprile 2020 (vedi allegato).

I test potranno essere svolti esclusivamente presso i laboratori che hanno stipulato apposita convenzione con la Regione Toscana ed indicati nell’allegato A alla Ordinanza (vedi allegato).

Evidenziamo che tra i laboratori convenzionati risultano quattro nostre aziende associate:

Istituto Ecomedica (Empoli)

Istituto Fanfani (Firenze)

Istituto Prosperius (Firenze)

Synlabmed (Sesto Fiorentino).

Riferimenti normativi

Con una prima Ordinanza del 3 aprile, n.23, la Regione Toscana ha dettato indirizzi e raccomandazioni per la esecuzione dei test sierologici rapidi in relazione alla emergenza pandemica da Covid-19. La Regione ha voluto da subito stabilire che:

– il costo del test sierologico rapido è posto a carico del bilancio delle Aziende sanitarie;

– viene data priorità nei confronti di gruppi di lavoratori maggiormente esposti al virus (appositamente individuati nella Ordinanza), o a soggetto individuale che manifesti sintomi suggestivi di infezione da Covid;

-vista la scarsità dei test a disposizione, solo i soggetti specificamente individuati nella Ordinanza possono essere sottoposti al test sierologico rapido.

Con successiva Ordinanza del 19 aprile 2020, n.39, sono stati integrati i gruppi di lavoratori maggiormente espositi al virus cui dare priorità per la esecuzione dei test sierologici rapidi e l’elenco dei laboratori in convenzione con la Regione Toscana per l’esecuzione dei test medesimi.

Ad oggi, in Toscana, non sono consentiti test sierologici anche ti tipo “venoso” al di fuori degli accordi stipulati con la Regione.

Per ulteriori approfondimenti:

Santina Ferri

Giacomo Borselli