Torniamo sull’argomento evidenziando il lavoro svolto attraverso la consultazione pubblica che si è chiusa il 30 novembre u.s., molto partecipata, avviata da CONAI con il coinvolgimento di Confindustria e dei principali attori della filiera come l’Istituto Italiano Imballaggio, UNI, Federdistribuzione.

Ricordiamo che il d.lgs. n. 116 del 3 settembre 2020, entrato in vigore il 26 settembre u.s. ha recepito le nuove disposizioni della Direttiva (UE) 2018/851 relativa ai rifiuti e la Direttiva (UE) 2018/852 relativa ai rifiuti, imballaggi e rifiuti di imballaggio.

Il provvedimento ha così modificato il comma 5 dell’articolo 219 del Codice dell’Ambiente in materia di etichettatura degli imballaggi con obblighi divenuti immediatamente attuativi. La nuova formulazione pone in capo ai produttori obblighi informativi e di etichettatura degli imballaggi, importanti e di dubbia interpretazione.

Attraverso la consultazione pubblica è stata prodotta la nuova Linea Guida sull’etichettatura ambientale degli imballaggi che è consultabile al seguente link http://www.progettarericiclo.com//docs/etichettatura-ambientale-degli-imballaggi che è stata presentata durante il webinar di CONAI lo scorso 16 dicembre. L’Obiettivo del documento è proporre un’interpretazione della norma condivisa che possa essere di supporto alle imprese.

Riportiamo di seguito il link a cui riferirsi per consultare le linee Guida e per poter rivedere il webinar https://www.conai.org/notizie/etichettatura-ambientale-la-normativa-secondo-noi/