Formazione in Apprendistato

Giu 16, 2021

Confindustria Firenze – insieme alla consulenza per l’istaurazione del rapporto di lavoro tramite contratto di apprendistato – offre assistenza alle aziende associate per la predisposizione dei Piani formativi individuali previsti dalla normativa di riferimento e che hanno lo scopo di far conseguire all’apprendista una qualifica attraverso una formazione sul lavoro e l’acquisizione di competenze tecnico-professionali.

Indice dei contenuti

In evidenza

L’apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all’occupazione dei giovani.

Il contratto di apprendistato è regolato dal D.lgs. 81 del 2015 che ne individua tre diverse tipologie:

  • apprendistato di primo livello”: è rivolto a soggetti che hanno compiuto i 15 anni di età e sino al compimento dei 25 anni ed è finalizzato al conseguimento della qualifica e del diploma professionale, del diploma di istruzione secondaria superiore e del certificato di specializzazione tecnica superiore in tutti i settori di attività, anche per l’assolvimento dell’obbligo di istruzione;
  • apprendistato di secondo livello”: si tratta dell’apprendistato professionalizzante; è rivolto ai giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni di età ed è finalizzato al conseguimento di una qualifica professionale a fini contrattuali;
  • apprendistato di terzo livello”: è l’apprendistato di alta formazione e ricerca; è rivolto ai giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni di età ed è finalizzato al conseguimento di titoli di studio universitari e dell’alta formazione o allo svolgimento di un’attività di ricerca in azienda.

In sintesi

Gli apprendistati di primo e terzo livello sono rivolti al conseguimento di un titolo di studio tramite un percorso di formazione che si articola in formazione esterna (l’attività formativa a scuola) e formazione interna (attività formativa in azienda). L’apprendistato di secondo livello è, invece, finalizzato all’acquisizione di una qualifica professionale e prevede percorsi formativi così strutturati:

formazione di base e trasversale: si tratta di un’offerta formativa pubblica, proveniente dalla Regione, ed è effettuabile sia presso le strutture accreditate che in azienda (scarica modulistica);

formazione tecnico-professionale: è svolta, sotto la responsabilità del datore di lavoro, sostanzialmente all’interno dell’azienda ed è finalizzata all’acquisizione delle competenze tecnico-professionali e specialistiche. La durata e i contenuti sono disciplinati dalla contrattazione collettiva di riferimento o da accordi interconfederali e deve essere obbligatoriamente indicata nel piano formativo individuale dell’apprendista.

Contatti

Per informazioni, approfondimenti e assistenza contatta Veronica Rovai.

ARTICOLI CORRELATI

Bonus 200 euro: come funziona – aggiornamento

Premessa L’INPS, con il messaggio n. 2505 del 21 giugno 2022, in merito all’erogazione dell’indennità una tantum di 200 ai lavoratori dipendenti, precisa quale sia “la retribuzione erogata nel mese...

RICERCA