Il Ministero dello Sviluppo Economico sblocca 750 milioni di euro a sostegno di progetti di innovazione sostenibile che prevedano attività di ricerca e sviluppo coerenti con le finalità del Green New Deal italiano, in particolare:

  • decarbonizzazione dell’economia;
  • economia circolare;
  • riduzione dell’uso della plastica e sostituzione della plastica con materiali alternativi;
  • rigenerazione urbana;
  • turismo sostenibile;
  • adattamento e mitigazione dei rischi sul territorio derivanti dal cambiamento climatico.

Destinatari

Possono richiedere l’incentivo le imprese di qualsiasi dimensione che svolgono attività industriali, agroindustriali, artigiane, di servizi all’industria e centri di ricerca, e che presentano progetti – anche in forma congiunta tra loro – di:

  • ricerca industriale e sviluppo sperimentale finalizzati alla realizzazione di nuovi prodotti, processi, servizi o al notevole loro miglioramento;
  • industrializzazione dei risultati della R&S (limitatamente alle micro, piccole e medie imprese), ossia con attività che diversifichino la produzione di uno stabilimento mediante prodotti nuovi o aggiuntivi o che trasformino radicalmente il processo produttivo di uno stabilimento esistente.

Dimensione e durata dei progetti

I progetti devono prevedere spese e costi ammissibili non inferiori a 3 milioni di euro e non superiori a 40 milioni di euro, essere realizzati sul territorio nazionale, avere una durata compresa tra 12 mesi e 36 mesi (massimo 12 mesi per progetti di industrializzazione) ed essere avviati successivamente alla presentazione della domanda di agevolazioni al ministero dello Sviluppo economico.

Contributi

I contributi possono essere concessi nella forma di: 

  • finanziamenti agevolati compresi tra il 50% e il 70% dei costi ammissibili;
  • contributi a fondo perduto, per una percentuale massima dei costi ammissibili:
  • pari al 15% a sostegno delle attività di R&S e per l’acquisizione delle prestazioni di consulenza relative alle attività di industrializzazione;
  • pari al 10% per l’acquisizione delle immobilizzazioni oggetto delle attività di industrializzazione.

Il finanziamento agevolato e il contributo a fondo perduto possono essere concessi esclusivamente in concorso tra loro. Al finanziamento agevolato deve essere abbinato un finanziamento bancario pari almeno al 10% dell’intero finanziamento (agevolato + bancario).

In allegato il decreto ministeriale.

Un successivo provvedimento indicherà i termini e le modalità di presentazione delle domande delle imprese, sarà nostra cura aggiornare questa pagina.