10 Feb 2020

Estremi:      TELEFISCO 2020 del 30/01/2020

L’intento di semplificare gli adempimenti I.V.A. per i contribuenti si scontra con le regole dell’imposta che non consentono all’Agenzia delle Entrate di ricevere (o determinare) i dati in tempo utile (o in modo corretto). Da ciò conseguono nuovi adempimenti per i contribuenti chiamati ad integrare i dati delle precompilate forniti dall’Agenzia a far tempo dal 1° luglio 2020.

Dal 1/07/2020, ai sensi dell’art. 16 della L. 19/12/19, n. 157, dovrebbero essere disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate i registri I.V.A. delle fatture emesse, quelli degli acquisti nonché i dati delle liquidazioni periodiche precompilati delle operazioni effettuate dalla suddetta data.

L’intenzione del legislatore, apparentemente, sembrava quella di “semplificare” gli adempimenti a carico dei contribuenti ma la semplificazione, per il momento, si scontra con le regole della vigente normativa I.V.A.

Il 30 gennaio 2020 l’Agenzia delle Entrate nel corso di Telefisco ha infatti precisato che:

  • i dati delle fatture estere (UE – Extra UE) non saranno indicati nella bozza del precompilato poiché i registri mensili saranno disponibili entro i primi giorni del mese successivo a quello di riferimento, mentre i dati dell’esterometro dovranno essere trasmessi dai contribuenti con cadenza trimestrale.

In alternativa, l’esterometro potrà essere inviato mensilmente ed entro i primi giorni di ogni mese successivo a quello di riferimento;

  • poiché nelle fatture di acquisto non è indicata la percentuale di detraibilità dell’imposta (pro-rata) l’Agenzia indicherà la percentuale del 100% di detraibilità e sarà cura del contribuente precisare la percentuale corretta in sede di trasmissione della bozza modificata del registro acquisti;
  • saranno istituiti appositi codici da indicare nelle fatture elettroniche in reverse charge, onde consentire ai contribuenti di trasmettere al SdI i documenti di integrazione delle fatture di acquisto.

 

 

Contatto

Area Economia e Diritto di Impresa

Vincenzo Padelletti, tel. 055/2707201