Revoca delle dimissioni nel periodo protetto già convalidate

Mag 17, 2024

Print Friendly, PDF & Email

Premessa

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con la nota n. 862 dell’8 maggio 2024, ha fornito alcuni chiarimenti in merito alla revoca delle dimissioni nel periodo protetto.
Nello specifico, viene confermato il fatto che i neogenitori possano esercitare la revoca delle dimissioni rassegnate anche dopo la convalida dell’INL.

Le dimissioni nel periodo protetto

Il tema al centro del quesito posto all’Ispettorato riguarda infatti proprio le modalità e le tempistiche per la revoca delle dimissioni rassegnate durante il periodo protetto.
Si tratta del periodo indicato all’articolo 55, comma 4, del Dlgs n. 151/2001, il quale prevede che la risoluzione consensuale del rapporto o la richiesta di dimissioni presentate dalla lavoratrice durante la gravidanza (oppure da entrambi i genitori durante i primi tre anni di vita del bambino o della bambina) debbano essere convalidate dall’Ispettorato del Lavoro competente sul territorio.
Questo per verificare che l’atto sia genuino e frutto di una libera scelta del genitore e non, al contrario, imposto dal datore di lavoro.
Il decreto legislativo n. 151/2001, però, non regolamenta la revoca delle dimissioni rassegnate durante tale periodo, né possono essere applicate, spiega l’INL, le disposizioni previste per le dimissioni presentate in via telematica (articolo 26, commi 1 e 2, del Dlgs n. 151/2015) perché la norma esclude esplicitamente le ipotesi di cui al citato articolo 55, comma 4.

Chiarimenti dell’Ispettorato

Basandosi sul presupposto che le dimissioni rappresentano un atto unilaterale recettizio, la cui efficacia è condizionata al provvedimento di convalida dell’Ispettorato competente sul territorio, l’INL sottolinea come non vi siano ostacoli ad una possibile revoca prima dell’emanazione del provvedimento o anche successivamente, purché avvenga prima della data di effettiva risoluzione del rapporto.
A questo proposito, l’Ispettorato specifica che, non solo le dimissioni, ma anche la revoca richiede un esame da parte dell’INL che possa valutare attentamente la fondatezza delle motivazioni e in caso annullare il provvedimento a tutela delle lavoratrici e dei lavoratori interessati.
Nel caso in cui, invece, le dimissioni presentate siano state regolarmente convalidate anche in seguito a tale verifica e abbiano già portato alla risoluzione del rapporto di lavoro, queste non potranno più essere revocate unilateralmente da parte del lavoratore o della lavoratrice.
Il rapporto di lavoro, infatti, potrà riprendere solamente con il consenso del datore di lavoro.

benedetta.brucini@confindustriafirenze.it

ARTICOLI CORRELATI

Imprese gasivore: inizio controlli annualità 2024

Siglato il Protocollo di intesa ENEA-CSEA per i controlli documentali alle aziende gasivore beneficiare delle agevolazioni. Contesto A seguito della Determina ARERA DSME 2/2024 del 23 aprile 2024,...

RICERCA