Apre il quarto bando a valere sul progetto Rinascimento Firenze: dopo le misure dedicate ad artigianato, turismo e moda, da oggi è attiva quella a supporto di startup innovative e micro e piccole imprese che investono in innovazione. 

Ricordiamo che Rinascimento Firenze è il progetto con cui la Fondazione CR Firenze, insieme a Intesa Sanpaolo e d’intesa con il Ministero delle Finanze, mira a stimolare e sostenere finanziariamente le migliori idee imprenditoriali per il rafforzamento del tessuto economico e sociale della Città Metropolitana di Firenze.

RISORSE DISPONIBILI

La Fondazione ha messo a disposizione un plafond di € 1,5 milioni nella forma di contributi a fondo perduto, ai quali si aggiungono € 7,5 milioni stanziati da Intesa nella forma di prestiti d’impatto.

BENEFICIARI

Micro e piccole imprese con i seguenti requisiti:

  • abbiano almeno 5 dipendenti, comprensivi delle risorse che saranno assunte a tempo determinato e indeterminato per il tramite del progetto presentato;
  • abbiano subito una contrazione della domanda conseguente allo scoppio della pandemia da Covid-19;
  • abbiano sede operativa nel territorio della Città Metropolitana di Firenze e siano iscritte presso la Camera di Commercio di Firenze;
  • abbiano uno dei seguenti Codici Ateco:

        C – ATTIVITÀ MANIFATTURIERE;

        G – COMMERCIO ALL’INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI E MOTOCICLI

        J  – SERVIZI DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE;

        M – ATTIVITÀ PROFESSIONALI, SCIENTIFICHE E TECNICHE

 Startup Innovative che rispettino le seguenti condizioni:

  • abbiano uno dei seguenti Codici Ateco:

        C – ATTIVITÀ MANIFATTURIERE;

        G – COMMERCIO ALL’INGROSSO E AL DETTAGLIO; RIPARAZIONE DI AUTOVEICOLI E MOTOCICLI

        J – SERVIZI DI INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE;

        M – ATTIVITÀ PROFESSIONALI, SCIENTIFICHE E TECNICHE

  • abbiano sede operativa nel territorio della Città Metropolitana di Firenze e siano iscritte presso la Camera di Commercio di Firenze;
  • siano iscritte nella sezione speciale startup innovative del Registro delle Imprese.

Le aziende e relative domande, saranno considerate afferenti ai settori tecnologia/Industria 4.0, agritech laddove ricorrano le condizioni riportate nel bando (pagina 7).

TIPOLOGIA DI PROGETTI

Il richiedente è tenuto a presentare un progetto che illustri in modo esaustivo:

  • l’andamento della sua attività nella fase antecedente alla crisi determinata dall’emergenza legata alla diffusione del Covid-19;
  • gli effetti subiti dalla diffusione del Covid-19 e dalle misure restrittive adottate dalle autorità nazionali e locali;
  • gli interventi per rilanciare, riorganizzare, implementare la propria attività nei successivi 12-18 mesi;
  • gli obiettivi attesi del progetto in termini di key performance indicators (KPI Sociali come meglio precisati nel bando).

MODALITÀ DI INTERVENTO

Il bando mette a disposizione contributi a fondo perduto da 20.000 a 100.000 euro a impresa, ai quali si aggiunge un prestito d’impatto* concesso da Intesa Sanpaolo indicativamente compreso tra 60.000 e 500.000 euro a impresa. L’accesso a tali risorse finanziarie è condizionato al co-investimento da parte dell’impresa per un importo non inferiore al 50% del contributo a fondo perduto.

MODALITÀ  DI PARTECIPAZIONE

La domanda di partecipazione potrà essere presentata esclusivamente attraverso la pagina dedicata fino alle ore 20.00 del 19 maggio 2021, fatto salvo l’eventuale esaurimento del plafond di contributi a fondo perduto.

Per accedere al bando clicca QUI.

 

* La data di scadenza del prestito è il 31 Dicembre 2030, il tasso d’interesse fisso è pari allo 0,4% nominale annuo e non sono previste garanzie.