Riorganizzazione aziendale e integrazione salariale straordinaria: i nuovi criteri definiti dal Ministero del Lavoro

Mar 28, 2022

Print Friendly, PDF & Email

Indice dei contenuti

Premessa

​Il Ministero del lavoro e delle Politiche, con il Decreto Ministeriale n. 33 del 25 febbraio 2022, definisce i criteri di individuazione e la disciplina di regolamentazione dei piani di riorganizzazione aziendale per processi di transizione. Ma non solo.

 

Le novità del Decreto

Il decreto n. 33 integra e modifica il precedente decreto del Ministro del lavoro e delle Politiche sociali n. 94033/2016.

Vediamo le principali novità.

In tema di CIGS il Decreto dispone che l’assegno di integrazione salariale per causali straordinarie (crisi aziendale, riorganizzazione e contratti di solidarietà difensiva) si applicherà anche alle microimprese fino a 15 dipendenti iscritte al FIS.

Per le aziende sopra i 15 dipendenti che accedono alla CIGS con causale di riorganizzazione per realizzare processi di transizione – inserita nella disciplina degli ammortizzatori sociali dalla Legge di bilancio 2022 – il Ministero specifica che questa sottocausale è applicabile per attuare programmi di transizione e riconversione produttiva per perseguire azioni dirette alla transizione e riconversione produttiva ovvero azioni funzionali a rispondere in maniera efficace all’evoluzione dei contesti economici e produttivi. Le imprese che accederanno a questa opportunità dovranno esplicitare le modalità di copertura finanziaria degli investimenti.

In tema di assegno d’integrazione salariale del FIS, invece, diventano applicabili le causali di riorganizzazione, crisi e solidarietà. In particolare, per accedere al FIS con la causale di riorganizzazione, il datore di lavoro deve presentare un programma volto a fronteggiare le inefficienze della struttura gestionale, commerciale, produttiva o di prestazione di servizi attraverso interventi idonei a gestire le inefficienze o processi di transizione, anche eventualmente mediante un aggiornamento tecnologico o digitale. Detto programma deve essere finalizzato a un consistente recupero occupazionale anche in termini di riqualificazione professionale e potenziamento delle competenze.

Viene, inoltre, semplifica la possibilità di accesso con la causale di crisi: per accedere all’assegno di integrazione salariale straordinario, la crisi può sussistere anche in considerazione degli effetti che la situazione di difficoltà potrà produrre immediatamente dopo l’istanza amministrativa e può derivare anche da eventi improvvisi e imprevisti, esterni alla gestione del datore di lavoro. In questo caso, la fattispecie è valutata anche in assenza delle condizioni generali, purchè siano soddisfatti i requisiti di  previsione di un piano di risanamento per la continuazione dell’attività aziendale e la salvaguardia occupazionale  e  di  un piano di gestione non traumatica delle eventuali eccedenze di personale.

Infine, per la causale contratto di solidarietà è richiesto l’accordo con le organizzazioni sindacali come per le altre causali.

ARTICOLI CORRELATI

Innalzamento Fringe Benefit per il 2022

Premessa L’art. 12 del D.L. n. 115/2022 aveva innalzato, esclusivamente per l’anno 2022, il limite di esenzione fiscale e contributiva per i c.d. fringe benefit di cui all’art. 51, comma 3, del TUIR...

RICERCA