La Regione apre un bando a sostegno delle strutture turistico ricettive, di tipo alberghiero o extra-alberghiero professionale, che abbiano subito un calo di fatturato per effetto dell’epidemia e delle conseguenti misure di contenimento adottate.

Le risorse finanziarie destinate all’attivazione del presente intervento sono in totale pari ad 8,6 milioni di euro.

Soggetti beneficiari

Micro, piccole e medie imprese aventi la sede principale o almeno un’unità locale ubicata nel territorio regionale e appartenenti ai seguenti codici Ateco:

  • 55.10.00 Alberghi;
  • 55.20.10 Villaggi turistici;
  • 55.20.20 Ostelli della gioventù;
  • 55.20.30 Rifugi di montagna;
  • 55.20.40 Colonie marine e montane;
  • 55.20.51 Affittacamere per brevi soggiorni, case ed appartamenti per vacanze, bed and breakfast, residence;
  • 55.30.00 Aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte;

Saranno esclusi agricampeggi, agriturismi e aree di sosta.

Per poter fare domanda, le imprese dovranno non aver sospeso l’attività per oltre 9 mesi a far data dal 1° marzo 2020 e fino al 28 febbraio 2021. A tal fine, sarà richiesto di allegare alla domanda di aiuto copia di almeno una ricevuta di notifica alloggiati di pubblica sicurezza. Una società con più strutture, di cui alcune rimaste chiuse e almeno una rimasta aperta nel periodo considerato, potrà comunque partecipare.

Tipologia e % di aiuto

L’aiuto è un contributo a fondo perduto da 2.500 a 5.000 euro, calcolato in modo proporzionale alla perdita di fatturato nel solo caso di alberghi e residence, mentre per l’extra-alberghiero si tratterà di un ristoro fisso di 2.500 euro.

Il periodo per la verifica del calo di fatturato, che deve essere stato di almeno il 30%, è quello dal 1° marzo 2020 al 28 febbraio 2021.

Presentazione delle domande

La domanda è redatta esclusivamente on line, previo accesso tramite credenziali SPID Livello 2 o CNS al sistema informativo all’indirizzo https://bandi.sviluppo.toscana.it/ristoristrutturericettive, a partire dalle ore 9.00 del 17 giugno e fino alle ore 17.00 del 2 luglio.

La graduatoria delle domande sarà formata in funzione del calo di fatturato, in modo decrescente.

In allegato i provvedimenti regionali.