Sostituzione di veicoli inquinanti: contributi del Comune di Firenze per le PMI

Gen 5, 2024

Print Friendly, PDF & Email

Con l’obiettivo di incentivare la sostituzione di mezzi inquinanti con veicoli a minore impatto ambientale, il Comune di Firenze ha adottato un bando rivolto anche alle imprese, oltre che ai residenti, ai lavoratori autonomi e agli enti del terzo settore.

Il bando è stato approvato in attuazione delle misure contenute nell’Accordo finalizzato alla realizzazione di interventi rivolti al miglioramento della qualità dell’aria nel Comune di Firenze, sottoscritto tra la Regione Toscana ed il Comune di Firenze.

La Regione Toscana ha messo a disposizione per i contributi in oggetto fondi per € 2.940.000,00.

Destinatari

Possono presentare domanda per i contributi le micro, piccole e medie imprese, gli Enti del terzo settore e i lavoratori autonomi residenti o aventi sede legale o sede operativa a Firenze e nei Comuni dell’agglomerato di Firenze (Bagno a Ripoli, Campi Bisenzio, Scandicci, Sesto Fiorentino, Calenzano, Lastra a Signa, Signa).

Tipologie di veicoli ammissibili a contributo

Sono previsti contributi per l’acquisto di:

  • autoveicoli cat. M1, N1 ed N2 (con massa massima a p.c. inferiore o uguale a 7,5t), aventi alimentazione esclusivamente elettrica, o Euro 6 ad alimentazione elettrica plug-in, ibrida-elettrica (Full-hybrid), GPL e metano anche bi-fuel, benzina e diesel (compresi mild-hybrid);
  • tricicli (cat. L2e ed L5e) e quadricicli (cat. L6e ed L7e), destinati al trasporto cose, aventi alimentazione elettrica o ibrida elettrica e, questi ultimi, omologati Euro4.

Sono ammessi a contributo anche i veicoli usati, ad esclusione di quelli ad alimentazione diesel. In caso di acquisto di veicolo usato, il contributo riconosciuto sarà pari all’80% di quello previsto per i veicoli nuovi di pari caratteristiche.

Il veicolo acquistato deve essere intestato in data successiva al 1° novembre 2023 alla medesima persona giuridica che richiede il contributo e che dovrà mantenerne la proprietà per almeno tre anni dall’acquisto.

L’acquisto deve essere abbinato obbligatoriamente alla radiazione per demolizione o per esportazione all’estero di un autoveicolo delle categorie M1, N1, N2, N3 con alimentazione diesel (fino ad Euro5 incluso).

Entità del contributo

L’entità del contributo per ciascun veicolo può coprire non oltre il 50% del costo totale (esclusi accessori, optional, IVA e messa in strada) e fino al massimo degli importi indicati nella tabella riportata nel bando.

Presentazione delle domande

FASE 1 Prenotazione e dichiarazione di possesso dei requisiti: il bando è aperto e le richieste di contributo possono essere presentate fino alle ore 12 del 30 settembre 2024, esclusivamente online sul sito internet della società SAS 

FASE 2Rendicontazione dell’investimento (acquisto e rottamazione del vecchio veicolo) e richiesta di liquidazione del contributo: la rendicontazione potrà essere presentata dalle ore 12 del 1° marzo 2024 e fino alle ore 12 del 31 dicembre 2024.

Per accedere al regolamento e agli allegati: bando 

ARTICOLI CORRELATI

Pubblicato in G.U. il Decreto Aree idonee per FER

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale n. 153 del 2 luglio, è entrato in vigore il decreto recante la “Disciplina per l’individuazione di superfici e aree idonee per l’installazione di impianti...

RICERCA