Tirocini extracurriculari: disciplina temporanea in attesa delle linee guida

Lug 14, 2022

Premessa

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL), con la nota n. 1451 del 2022, ha fornito alcuni chiarimenti in materia di tirocini extracurriculari intervenendo riguardo la disciplina applicabile ai rapporti avviati nel 2021 ma ancora in essere al 1° gennaio 2022, data di entrata in vigore delle novità introdotte dalla legge di Bilancio 2022. In particolare, l’Ispettorato si riferisce ai casi di fraudolenza e alle relative sanzioni applicabili.

L’INL, con la nota 21 marzo 2022 n. 530, aveva già fornito le prime indicazioni operative sulle novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2022 (cfr nostro articolo), ma ha ritenuto di dover intervenire in maniera ancor più specifica e mirata per rispondere agli interrogativi sulla disciplina da applicare ai tirocini extracurriculari iniziati prima e proseguiti dopo l’entrata in vigore delle modifiche normative.

 

In evidenza

La Legge di Bilancio 2022 ha affidato alla Conferenza permanente per i rapporti tra Stato, Regioni e province autonome la redazione di linee-guida condivise che disciplinino gli aspetti più delicati dei tirocini extracurriculari, focalizzando l’attenzione anche sulle possibili distorsioni dell’istituto e inserendo tra gli aspetti da regolamentare non solo l’individuazione delle modalità di prestazione dell’attività di tirocinio, ma anche le forme di limitazione del suo utilizzo.

Alcune disposizioni della Legge di Bilancio 2022 sono, tuttavia, immediatamente operative e mirano a prevenire o, comunque, sanzionare le possibili distorsioni dell’istituto.

 

Ricorso fraudolento al tirocinio extracurriculare – reato e sanzioni

Al riguardo l’INL ricorda che il tirocinio non costituisce rapporto di lavoro e non può essere utilizzato in sostituzione del lavoro dipendente.

Le sanzioni previste per lo svolgimento di tirocini extracurriculari fraudolenti, cioè quando il datore di lavoro li utilizza in sostituzione del lavoro dipendente, si possono applicare a partire dal 1° gennaio 2022 anche ai rapporti avviati a cavallo dell’entrata in vigore della legge di Bilancio 2022 e non solo a quelli avviati dopo tale data. L’utilizzo fraudolento dei tirocini extracurriculari è punito con una sanzione amministrativa di 50 euro per ogni tirocinante coinvolto e per ciascun giorno di tirocinio.

Il reato derivante dall’utilizzo dell’istituto in sostituzione del lavoro dipendente, si configura solo a decorrere dal 1° gennaio 2022 e la relativa sanzione sarà commisurata alle sole giornate di tirocinio irregolare svolte successivamente a questa data.

Nel caso di tirocinio fraudolento, inoltre, sono applicabili anche le sanzioni amministrative previste per le ipotesi di riqualificazione del rapporto di lavoro in termini di subordinazione.

Per dimostrare la natura fraudolenta del tirocinio, ai fini della contestazione del reato in questione, è sufficiente provare che la prestazione è stata svolta come un vero e proprio rapporto di lavoro subordinato.

Nel caso in cui il tirocinio venga svolto in maniera fraudolenta, il tirocinante ha la facoltà di richiedere il riconoscimento della sussistenza di un rapporto di lavoro subordinato, anche se avviato prima del 2022.

L’INL precisa al proposito che questa possibilità da parte del tirocinante non condiziona il recupero dei contributi, che andrà effettuato in ogni caso, con o senza richiesta laddove l’ispettore ritenga di essere in presenza di un tirocinio fraudolento.

ARTICOLI CORRELATI

NOVITÀ APPORTATE DAL DECRETO TRASPARENZA

  PERIODO DI PROVA (art. 7) Il periodo di prova, ove previsto, non potrà durare oltre 6 mesi, a meno che non sia diversamente sancito nei contratti collettivi. Nei rapporti a tempo determinato la...

Federchimica – stesura definitiva CCNL 13.06.2022

In breve Federchimica, Farmindustria e le Organizzazioni Sindacali di settore hanno concordato la stesura completa e definitiva del CCNL 13 giugno 2022. In tale ambito, oltre all’inserimento delle...

RICERCA