Transizione energetica: contributi della Camera di Commercio di Firenze.

Feb 13, 2024

Print Friendly, PDF & Email

La Camera di Commercio di Firenze stanzia 200.000 euro per incentivare l’avvio di percorsi di transizione energetica da parte delle imprese.

Nello specifico, le risorse sono destinate all’acquisizione di servizi di consulenza e formazione finalizzati a favorire:

  • la razionalizzazione dell’uso di energia da parte delle imprese, attraverso la realizzazione di interventi di efficienza energetica, riducendo i consumi e le emissioni di gas clima-alteranti
  • i sistemi di autoproduzione da Fonti di Energia Rinnovabile (FER) anche attraverso la partecipazione delle imprese alle Comunità Energetiche Rinnovabili (CER).

Destinatari

Micro o Piccole o Medie imprese di tutti i settori con sede legale nella città metropolitana di Firenze.

Contributi

Il contributo sarà pari al 70% delle spese ammissibili con un massimale di € 6.000 ed un minimo di spesa di € 2.000 (esclusa Iva).

Alle imprese in possesso del rating di legalità verrà riconosciuta una premialità di € 250 nel rispetto del limite del 100% delle spese ammissibili e dei massimali relativi agli aiuti de minimis.

Ciascuna impresa può presentare una sola domanda di contributo.

Spese ammissibili

Sono ammissibili le spese per i seguenti servizi di consulenza e formazione:

SERVIZI DI CONSULENZA:

  1. audit energetici, finalizzati a valutare la situazione iniziale “as is” dell’impresa, per individuare e quantificare gli interventi di efficienza e le opportunità di risparmio e definire un piano di miglioramento energetico;
  2. analisi delle forniture di energia, attraverso l’analisi dei documenti contrattuali e contabili delle utenze, finalizzata alla definizione di un programma di ottimizzazione dei parametri contrattuali alla luce delle caratteristiche produttive dell’impresa;
  3. progettazione di sistemi di raccolta e di monitoraggio dei dati energetici di base (bollette, contatori, ecc) e della produzione (consumi, rendimenti, ecc.), anche attraverso l’utilizzo di automazioni con tecnologie 4.0;
  4. piano di miglioramento energetico con individuazione e quantificazione degli interventi di efficienza e le opportunità di risparmio dell’impresa;
  5. implementazione di Sistemi di gestione dell’energia in conformità alle norme ISO 50001, ISO 50005, ISO 50009;
  6. studi di fattibilità per progetti di riqualificazione energetica;
  7. studio di fattibilità tecnico-economica finalizzata alla realizzazione di una Comunità Energetica Rinnovabile (CER);
  8. realizzazione della documentazione tecnica (progetto, configurazione, ecc.) e giuridica (statuto, contratti, ecc.) necessaria alla costituzione/adesione di/ad una CER;
  9. acquisizione temporanea del servizio esterno di Energy Manager a beneficio dell’impresa.

SERVIZI DI FORMAZIONE:

  1. attività di formazione finalizzata al conseguimento della qualifica di Energy manager per risorse interne, impiegate stabilmente all’interno dell’impresa

Tutte le spese possono essere sostenute e pagate a partire dal 1° gennaio 2024 fino al 90° giorno successivo alla data della determinazione dirigenziale relativa all’ammissibilità del contributo.

Per quanto riguarda i fornitori di cui l’impresa dovrà avvalersi, si rimanda all’articolo 6 del disciplinare.

Presentazione delle domande

Le domande potranno essere inviate dalle ore 10:00 del 12 marzo 2024 alle ore 17:00 dell’11 aprile 2024. 

Le richieste di contributo devono essere trasmesse esclusivamente in modalità telematica, con firma digitale, attraverso lo sportello on line “Contributi alle imprese” all’interno del sistema Webtelemaco di Infocamere (link: https://www.registroimprese.it).

Per accedere al disciplinare e alla modulistica: bando transizione energetica

ARTICOLI CORRELATI
RICERCA