Aprirà dal 15 giugno 2020 la misura Voucher 3I – Investire In Innovazione dedicata alle start up innovative. Il bando finanzierà i servizi di consulenza necessari a valorizzare e tutelare, in Italia e all’estero, i processi di innovazione attraverso la brevettabilità dell’invenzione industriale.

Con la pubblicazione del bando diventa così operativa la misura prevista dal “Decreto Crescita”, che prevede uno stanziamento di 19,5 milioni di euro per il triennio 2019-2021.

Per avere diritto al voucher, i servizi di consulenza dovranno essere forniti da consulenti in proprietà industriale o avvocati, iscritti in appositi elenchi predisposti rispettivamente dall’Ordine dei consulenti in proprietà industriale e dal Consiglio nazionale forense.

La domanda di voucher dovrà essere presentata prima dell’erogazione del servizio di consulenza richiesto.

L’importo del voucher varia in base alle tipologie di servizio acquisite:

  • realizzazione di ricerche di anteriorità preventive e verifica della brevettabilità dell’invenzione: 2.000 euro + iva
  • stesura della domanda di brevetto e relativo deposito presso l’Ufficio italiano brevetti e marchi: 4.000 euro + iva
  • deposito all’estero di una domanda nazionale di brevetto: 6.000 euro + iva

Il voucher sarà concesso sulla base di una procedura automatica a sportello e le domande dovranno essere compilate esclusivamente sul sito di Invitalia a partire dalle ore 12.00 del 15 giugno 2020, fino all’eventuale esaurimento delle risorse disponibili. Sul sito di Invitalia verranno pubblicate tutte le informazioni necessarie per accedere alla piattaforma.

La selezione sarà svolta in ordine cronologico di arrivo delle domande. Il pagamento del voucher avverrà direttamente a beneficio del fornitore dei servizi da parte del soggetto gestore.

In allegato il Decreto direttoriale.