16 Apr 2018

Vantaggi

Le agevolazioni saranno differenziate a seconda dell’intensità elettrica sul Valore Aggiunto Lordo (di seguito VAL) o dell’intensità elettrica sul fatturato.

A partire dal 1 gennaio 2018 sono “energy intensive” e beneficiari delle agevolazioni (imprese eleggibili) le imprese del settore manifatturiero con un consumo di energia elettrica annuo pari almeno a 1 GWh che rispettano almeno uno dei seguenti criteri:

  1. Operare nei settori dell’annesso 3 delle Linee guida europee (scarica allegato)
  2. Operare nei settori dell’annesso 5 (scarica allegato) e avere un indice di intensità elettrica sul VAL pari almeno al 20%
  3. Oppure essere ricomprese negli elenchi delle imprese a forte consumo di energia redatti, per gli anni 2013 o 2014, dalla Cassa per i servizi energetici e ambientali (CSEA) in attuazione dell’articolo 39 del decreto legge n. 83/2012

Per le imprese eleggibili con un indice di intensità elettrica rispetto al VAL (IVAL) maggiore o uguale al 20% la contribuzione alla A3 (incentivi alle rinnovabili e alla cogenerazione, rinominata Asos) è parametrata allo stesso VAL dell’impresa e posta pari a:

  • 2,5% del VAL se 20% ≤ IVAL < 30%;
  • 1,5% del VAL se 30% ≤ IVAL < 40%:
  • 1,0% del VAL se 40% ≤ IVAL < 50%:
  • 0,5 % del VAL se IVAL ≥ 50%.

Nel caso in cui il VAL e l’intensità elettrica su VAL risultino negativi, l’impresa non può accedere ai benefici.

Per quelle imprese rientranti nelle classi A e C che non rispettano tale criterio (VAL<20%) il beneficio è riferito in base all’indice di intensità elettrica rispetto al fatturato (IFAT) (costo energia/fatturato a fini iva).

Per tali imprese la contribuzione alla tariffa A3 (rinominata Asos) è stabilita in modo decrescente al crescere dell’indice di intensità elettrica rispetto al fatturato (IFAT), secondo il seguente schema:

Classe IFAT Contribuzione Asos
< 2% 100%
2% ≤ Ifat ≤ 10% 55%
10% < Ifat ≤ 15% 40%
Ifat > 15% 25%

Le agevolazioni non sono applicabili alle imprese in difficoltà, mentre i rimanenti oneri di sistema, non legati al sostegno delle fonti rinnovabili, sono pagati a contribuzione piena da tutti i clienti finali.

Entro il 15 maggio 2018 la CSEA provvede alla apertura del portale ai fini dell’integrazione delle dichiarazioni attestanti la titolarità dei requisiti delle imprese a forte consumo di energia elettrica per la competenza dell’anno 2018.

Nella tabella successiva un esempio degli incentivi che le imprese possono ottenere se rientrati nelle categorie previste

consumo GWh/anno 1 2 5
VAL 450.000 1.450.000 4.000.000
Fatturato 1.000.000 3.000.000 20.000.000
Costo Energia annuo 150.000 300.000 750.000
Costo componente Asos 45.000 90.000 225.000
I Val % 33% 21% 19%
I Fatt % 15% 10% 4%
Incentivo 38.250 53.750 101.250

Le modalità di calcolo del VAL, ai fini della determinazione dell’intensità energetica su VAL sono quelle stabilite dalla determinazione DIEU 11/2017, ed ogni anno entro il 30 Settembre le imprese agevolate devono comunicare i dati relativi all’anno precedente sul sito della CSEA.

Ai fini del calcolo del VAL, i dati di bilancio forniti dalle imprese devono far riferimento al periodo 1 gennaio – 31 dicembre, mentre le imprese che redigono il bilancio su periodi diversi da quello individuato devono presentare dati di bilancio riclassificati.

Ai fini della registrazione nell’elenco delle imprese a forte consumo di energia elettrica, le società che non sono tenute alla revisione legale del proprio bilancio devono dichiarare che i dati utilizzati per il calcolo del VAL sono stati verificati da un revisore iscritto al Registro dei revisori legali, di cui al decreto legislativo n. 39/2010.

Per le imprese i cui dati di consumo per gli anni 2014-2016 sono completi e per i quali sono stati effettuati i controlli previsti per i medesimi anni, la CSEA utilizza i suddetti dati, nonché i dati rilevanti per il calcolo del VAL delle medesime imprese, ai fini della costituzione dell’elenco delle imprese a forte consumo di energia elettrica per l’anno di competenza 2018.

Nel caso di imprese costituite da meno di un anno, per il primo anno di attività sono utilizzati dati di consumo e di VAL stimati sulla base di uno studio predisposto dall’impresa interessata. Al termine del primo anno di attività, sulla base di dati certificati, la CSEA effettua una verifica ex post per accertare l’ammissibilità dell’impresa e il rispetto dei limiti di contribuzione di cui al presente decreto.

 

Azioni di Confindustria Firenze
Il Consorzio Energie Firenze, braccio operativo nel campo dell’energia di Confindustria Firenze, fin da subito ha attivato un servizio per verificare e supportare le imprese del settore energy intensive. Le aziende interessate possono contattare gli uffici per  richiedere una prima valutazione di accesso agli incentivi.

 

Per maggiori informazioni:

Consorzio Energie Firenze

Dott.ssa Catia Tarquini
Via Valfonda 9/11, 50123 Firenze
tel. 055 2707286 – fax. 055 2707204
e-mail