25 Ago 2021

I Criteri Ambientali Minimi (CAM) sono i requisiti ambientali, definiti da appositi Decreti Ministeriali, per le forniture di prodotti e servizi rivolti alla PA.

L’Italia attraverso il “Codice degli appalti” ha imposto alle PA di inserire nelle procedure d’acquisto di beni e servizi l’applicazione della selezione di beni e servizi valutati sotto il profilo ambientale lungo il ciclo di vita, tenuto conto della disponibilità di mercato.

Questo obbligo garantisce che la politica nazionale in materia di appalti pubblici verdi sia incisiva, non solo nell’obiettivo di ridurre gli impatti ambientali, ma nell’obiettivo di promuovere modelli di produzione e consumo più sostenibili e “circolari “.

I CAM attualmente pubblicati e adottati sono riferiti alle seguenti 17 categorie:

  • Arredi per interni
  • Arredo urbano
  • Ausili per l’incontinenza
  • Calzature da lavoro e accessori in pelle
  • Carta
  • Cartucce
  • Edilizia
  • Illuminazione pubblica (fornitura e progettazione)
  • Illuminazione pubblica (servizio)
  • Illuminazione, riscaldamento/raffrescamento  per edifici
  • Lavaggio industriale e noleggio di tessili e materasseria
  • Rifiuti urbani
  • Ristorazione collettiva
  • Sanificazione 
  • Stampanti
  • Tessili
  • Veicoli
  • Verde pubblico

L’elenco è in continua evoluzione; sono infatti programmati per questo anno la pubblicazione dei CA su:

  • Servizio trasporto pubblico
  • Arredo urbano
  • Eventi culturali
  • PC e server

Il Ministero della Transizione Ecologica, nel proprio sito internet, ha un’area dedicata ove sono riportati tutti i CAM attualmente approvati ed in via di approvazione a cui rimandiamo per la consultazione puntuale ed il loro download. https://www.mite.gov.it/pagina/i-criteri-ambientali-minimi#1