Compilazione dei nuovi modelli di registro di carico e scarico e di formulario di identificazione del rifiuto

Gen 10, 2024

Print Friendly, PDF & Email

Il Decreto Direttoriale n. 251 del 19 dicembre 2023 (vedi news del 5 gennaio) contiene le istruzioni per la compilazione dei nuovi modelli di registro cronologico di carico e scarico e di formulario di identificazione del rifiuto (RENTRI). Si riporta in allegato una nota di Confindustria contenente una prima schematica illustrazione dei contenuti delle istruzioni di compilazione date dal Ministero dell’Ambiente.

 

Premessa

Il 21 dicembre u.s. è stato pubblicato sul portale RENTRI il Decreto Direttoriale n. 251 del 19 dicembre 2023, che definisce le modalità operative previste dall’articolo 21, comma 1, lettera d) del Decreto del Ministero dell’ambiente e della sicurezza energetica 4 aprile 2023, n. 59 relative alle modalità di compilazione dei nuovi modelli di registro cronologico di carico e scarico e di formulario di identificazione del rifiuto, che dovranno essere utilizzati a partire dal 13 febbraio 2025.

 

Il Decreto direttoriale rientra tra quelli previsti dal D.M. 59/2023, art. 21, comma 1, lettera d), Decreto cd “RENTRI”, per la definizione delle modalità operative.

 

Con il decreto ministeriale n. 59/2023 (1) erano già stati approvati i nuovi modelli di registro di carico e scarico dei rifiuti (2) e di formulario di identificazione dei rifiuti (3). L’utilizzo di questa nuova modulistica sarà obbligatorio a partire dal 13 febbraio 2025 (4), o comunque dal momento in cui le imprese obbligate si saranno iscritte al Registro Elettronico di Tracciabilità dei Rifiuti (cd. “RENTRI”) (5).

 

Con il Decreto Direttoriale n. 251/2023 del 19 dicembre 2023 (6) vengono ora fornite le istruzioni per la compilazione:

  • -del nuovo registro cronologico di carico e scarico dei rifiuti (allegato 1) e;
  • -del nuovo formulario di identificazione dei rifiuti (allegato 2);

 

ferma restando la data del 13 febbraio 2025 come termine di decorrenza dell’obbligo di utilizzarli in sostituzione degli attuali.

 

Le aziende interessate avranno, quindi, tutto il tempo per formare gli incaricati alla tenuta dei registri e alla emissione e gestione dei formulari.

 

Si riporta di seguito una prima schematica illustrazione dei contenuti delle istruzioni di compilazione date dal Ministero.

Questo contenuto è riservato ai soci. Accedi per leggere tutto.

ARTICOLI CORRELATI

Direttiva sui Crimini ambientali

Il 20 maggio u.s. sono entrate in vigore le nuove norme dell’UE che estendono e inaspriscono l’elenco dei reati ambientali nell’Unione europea (UE) attraverso il diritto penale. Come anticipato con...

RICERCA