Interpello in materia di riutilizzo in situ delle acque reflue

Ott 9, 2023

Print Friendly, PDF & Email

Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica ha risposto a un interpello presentato dalla Regione Lazio in materia di riutilizzo in situ delle acque reflue.

La Regione Lazio, a seguito di numerose istanze recanti i «progetti che contemplano il riutilizzo in situ di acque reflue depurate (in genere le acque meteoriche di dilavamento dei piazzali su cui insistono stoccaggi di rifiuti o lavorazioni di materiali che possono rilasciare sostanze inquinanti) per finalità inerenti il ciclo produttivo o la gestione dell’insediamento (in genere per mitigazione polveri, lavaggio ruote dei veicoli antincendio, innaffiamento barriera arborea, acque di processo)», ha posto al Ministero due quesiti.

Questo contenuto è riservato ai soci. Accedi per leggere tutto.

ARTICOLI CORRELATI

RENTRI – Formazione alle imprese: calendario

Nell’ambito delle attività di supporto tecnico operativo al Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, l’Albo Nazionale gestori ambientali e Unioncamere hanno organizzato una serie di...

Direttiva (UE) 2024/1203 sui crimini ambientali

Segnaliamo che è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea del 30 aprile 2024, la Direttiva (UE) 2024/1203 sulla tutela penale dell'ambiente, che fissa norme minime a livello UE...

RICERCA