17 Feb 2022

Premessa

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato una circolare che introduce importanti semplificazioni.

Procedura di informazione e consultazione sindacale

In via del tutto eccezionale, i datori di lavoro dei settori di cui ai codici ATECO indicati nell’allegato I del D.L. 4/2022 che chiedono l’intervento dell’assegno di integrazione salariale erogato dal FIS per periodi di sospensione/riduzioni che si collocano nel periodo 1° gennaio 2022 / 31 marzo 2022 e che hanno diritto all’esonero dalla contribuzione addizionale di cui all’art. 7 del D.L. 4/2022 potranno presentare la domanda allegando all’istanza la comunicazione inviata alle OO.SS. che potrà essere, dunque, anche successiva all’inizio delle sospensioni/riduzioni.

Per quanto concerne i termini di invio della domanda si ricorda che, con il messaggio n. 606 del 8 febbraio 2022, l’INPS ha previsto che, in deroga ai termini ordinari, le domande possono essere presentate entro il 23 febbraio 2022.

 Pagamento diretto

Le richieste di pagamento diretto potranno desumersi anche sulla base di una documentazione semplificata, ovvero una relazione che, facendo riferimento alla crisi pandemica in atto, indichi le ricadute negative anche di natura temporanea sulla situazione finanziaria che determina le difficoltà che giustificano la richiesta di pagamento diretto.

Relazione Tecnica

Limitatamente alla fase transitoria, coincidente con il periodo dal 1° gennaio 2022 al 31 marzo 2022 e in considerazione dell’ingresso di nuovi soggetti dal 1° gennaio 2022, si avrà un affievolimento dell’onere in capo al datore di lavoro circa la presentazione di ulteriore documentazione probatoria attestante la situazione di difficoltà economico-finanziaria. Dovrà infatti essere presentata una relazione che si limiti ad esplicitare le ricadute di tale contesto.