16 Ott 2015

 Con la discussione sull’inquadramento, si concluderà la fase di confronto tra le parti, avviatasi verso la fine della scorsa primavera, sui principali temi di questo rinnovo contrattuale: le regole contrattuali nell’avvicendamento delle imprese negli appalti di servizi; il completamento del processo di razionalizzazione della classificazione del personale; la riforma del comporto di malattia; l’orario di lavoro, inteso nella sua articolazione contrattuale; le tutele in materia di salute e sicurezza del lavoro; i diritti.

 In tale premessa, si rende noto che il Consiglio Direttivo di Assoambiente, nella riunione dell’8 ottobre scorso, in vista della conclusione di questa fase, ha deciso di proporre alle OO.SS. l’apertura di una ulteriore fase negoziale, che consenta alle parti di verificare se sussistano o meno le condizioni per avviare a conclusione il percorso di definizione di un secondo, importante accordo di rinnovo – dopo quello dello scorso 22 dicembre – prima delle prossime festività natalizie: accordo a contenuto normativo per le parti fin qui discusse, e a contenuto economico, a integrale copertura del periodo 1°ottobre 2015/31 dicembre 2016, a totale completamento del triennio 2014/2016.

La proposta, illustrata ieri da Assoambiente alle OO.SS. nella seconda parte dell’incontro, è stata da loro pienamente condivisa nei termini appena riferiti.

Le OO.SS. hanno chiesto di concordare un programma molto serrato di incontri, per accelerare i tempi della verifica in parola. Nel contempo, hanno chiesto ad Assoambiente – che ha convenuto – di formulare una richiesta congiunta al Presidente dell’ANCI per la costituzione del Tavolo di confronto sulle tematiche di settore, come da lui prospettato dopo il ricevimento dell’Avviso Comune del 21 aprile scorso.

Il calendario dei prossimi incontri è dunque il seguente: 30 ottobre – 13, 18, 25 novembre 2015.

Come si ricorderà, l’accordo 22 dicembre 2014 ha previsto che "le parti, valutato lo stato del rinnovo contrattuale, assumeranno le necessarie determinazioni circa l’eventuale prosecuzione della corresponsione del CFT 2015 (Compenso forfettario temporaneo) dopo il 30 settembre 2015”.

Per quanto concordato ieri tra le parti nazionali stipulanti, resta inteso che detto compenso non deve essere più erogato dopo quello relativo alla retribuzione del mese di settembre 2015.

   

Contatti:

d.ssa Paola Fabbrini tel. 055 2707232;  e-mail:

d.ssa Stefania Acciaioli tel. 055 2707323;  e-mail:

 

Questo contenuto è riservato ai soci. Accedi per leggere tutto.

Accesso utente
   

055 2707