Ammortizzatori Sociali e Festività

Apr 27, 2020

L’utilizzo da parte di molte aziende degli ammortizzatori sociali COVID 19 necessita di un chiarimento in merito al pagamento o meno, a carico del datore di lavoro, delle giornate festive previste in questo periodo.

Di seguito uno schema sul rapporto tra gli ammortizzatori sociali e le festività.

Sospensione dell’Attività Lavorativa dell’intera azienda o di un reparto

(richiesta CIG a zero ore)

Contrazione dell’attività lavorativa

(richiesta CIG a orario ridotto)

Sono a carico del datore di lavoro le festività cadenti nelle prime 2 settimane di sospensione, relativamente al personale con paga oraria e non mensilizzata; nei rimanenti casi, la festività dà luogo al normale trattamento di Cigo.
Fanno eccezione, per i lavoratori con paga oraria, le giornate del 25 aprile, 1° maggio e 2 giugno, per le quali rimane in ogni caso l’obbligo di retribuzione nella misura di 1/26 (o nella diversa misura stabilita dal CCNL applicato) della retribuzione mensile in capo al datore di lavoro

Le festività restano a carico del datore di lavoro

ARTICOLI CORRELATI

Bonus 200 euro: come funziona – aggiornamento

Premessa L’INPS, con il messaggio n. 2505 del 21 giugno 2022, in merito all’erogazione dell’indennità una tantum di 200 ai lavoratori dipendenti, precisa quale sia “la retribuzione erogata nel mese...

RICERCA