14 Lug 2016

Premessa
I fondi che il Ministro delle infrastrutture ha assegnato alla Toscana, cioè 1 milione e 720mila euro, saranno a disposizione per il cofinanziamento (nella misura massima del 50%) di progetti per la realizzazione di impianti di ricarica per incentivare la mobilità elettrica.

Vantaggi
Beneficiari dei contributi sono i soggetti pubblici nelle forme associative previste, anche in partnership con soggetti privati e/o Società, oltre ai soggetti privati per l’installazione su area privata ad accesso pubblico o ad accesso privato e presso i distributori di carburante.
Tra questi, grande distribuzione, servizi di mobilità, di carburanti, parcheggi, società che gestiscono garage, o cittadini singoli o associati in forma di condominio.

L’iniziativa fa parte della predisposizione del Programma di interventi che la Regione Toscana presenterà al Ministero Infrastrutture e Trasporti (MIT), nell’ambito del “Piano nazionale infrastrutturale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica” (PNIRE) ed è coerente con gli strumenti di programmazione della Regione Toscana in materia di energia e ambiente finalizzate alla riduzione delle emissioni climalteranti e di sostanze inquinanti, ed in particolare con il Piano ambientale ed energetico regionale (PAER), il Piano Regionale Integrato Infrastrutture e Mobilità (Priim), e con le azioni derivanti dalla programmazione delle risorse comunitarie FESR POR e quelle attuate ai sensi della Legge regionale 9 del 2010 “Norme per la tutela della qualità dell’aria ambiente”.

Iniziative di Confindustria Firenze
Gli uffici del Servizio Energia-Area Ambiente Sicurezza Energia Qualità di Confindustria Firenze sono a disposizione degli associati interessati ad approfondimenti sul tema.

Contatto
Dott.sa Catia Tarquini
Area Ambiente Sicurezza Energia Qualità
tel. 055 2707286,

Questo contenuto è riservato ai soci. Accedi per leggere tutto.

Accesso utente
   

055 2707