Confindustria Firenze
Confindustria Firenze:
Lavoro e Previdenza Assistenza sindacale - CCNL, normativa e giurisprudenza

CCNL Trasporto Merci, Spedizioni e Logistica

9 Febbraio 2011

 

Il 26 gennaio si e' concluso il negoziato per il rinnovo del CCNL Trasporto merci, Spedizione e Logistica, a completamento delle precedenti intese sulla parte economica raggiunte il 17 dicembre 2010, tese a riconoscere maggiore flessibilita' alle imprese nell'organizzazione del lavoro dei conducenti con risvolti anche di natura economica. A cio' si aggiunge l'intesa di definire nel prossimo contratto una sezione specifica, per tenere conto delle particolari specificitƒa' del comparto. A tal fine nelle prossime settimane si insediera' un'apposita Commissione tecnica,  nel quale sono stati individuati una serie di interventi normativi per consentire alle imprese del settore di recuperare competitivitƒa' in ambito nazionale e comunitario. L'Avviso comune e' stato inviato al Governo unitamente ad una richiesta di incontro.

Nel riportare gli aumenti retributivi mensili ed i nuovi minimi aggiornati alle varie scadenze, le Parti si sono impegnate a verificare la sostenibilita' delle intese economiche raggiunte con il rinnovo contrattuale, con l'obiettivo di verificare la competitivita' aziendale e il mantenimento del livello occupazionale. Tale verifica avrƒa' inizio entro il mese di gennaio 2012.

 Viene prevista la facolta' dell'azienda di sostituire per il personale viaggiante la festivita' del Santo Patrono con 10 ore di permessi retribuiti annui. I relativi permessi che matureranno al momento della festivita' in questione e non usufruiti seguiranno la disciplina dei ROL.

E' stata prevista l‚âA'U'eliminazione, per i nuovi assunti, della Pasqua e del 4 novembre, rispettivamente, dall'elencazione dei giorni festivi di cui all'art. 2 della prima sezione speciale, ed eliminando il comma 4 dell'articolo 12 della parte generale del CCNL. Di conseguenza le suddette giornate, coincidenti sempre con la domenica, non dovranno essere piƒu' pagate come festivita' non godute.

 - 2 anni per i lavoratori inquadrati al livello 6‚° junior, con la precisazione che dopo il biennio il lavoratore prosegue l'apprendistato per un ulteriore biennio al 6‚° livello senior.

A fronte di tale estensione, sono state aumentate le percentuali per il calcolo del minimo contrattuale da erogare al lavoratore apprendista.

 A decorrere dal 1‚° luglio 2012, gli appalti per la gestione delle operazioni di logistica, facchinaggio/movimentazione merci, dovranno essere affidati solo a imprese che applicano il CCNL Logistica, Trasporto Merci e Spedizione.

Qualora, prima del 1° luglio 2012, le aziende committenti decidano, in caso di nuovi appalti o di rinnovo di appalti in essere, di anticipare gli obblighi che scatteranno da tale data, dandone comunicazione alle OO.SS, gli appaltatori potranno utilizzare per le nuove assunzioni il livello 6‚° junior di nuova istituzione, gia' inviato al Governo con una richiesta di incontro.

Con decorrenza dal 1° luglio 2011, le Parti hanno previsto un contributo a carico azienda di 2 euro mensili per 12 mensilita' per ciascun lavoratore in forza e di 0,50 euro mensili a carico lavoratore, anch'essi per 12 mensilita'. Le aziende, entro il 31 gennaio dell'anno successivo, verseranno l'importo in un''unica soluzione.

Le imprese non aderenti alle associazioni firmatarie il CCNL in oggetto e che non aderiscono al sistema di bilateralitƒa' e non versano il relativo contributo, sono tenute ad erogare una quota di retribuzione ad ogni singolo lavoratore pari ad euro 5 mensili per 12 mensilita'. Le modalita' organizzative e le prestazioni da erogare saranno oggetto di un apposito regolamento attuativo che sara' elaborato da una apposita Commissione paritetica che iniziera' a riunirsi il prossimo 17 febbraio, anche al fine di predisporre la bozza dello statuto dell'Ente stesso.

Da 1° gennaio 2012 i lavoratori avranno diritto all‚âA'U'erogazione di prestazioni sanitarie. Pertanto, e' stato previsto a decorrere dal 1 luglio 2011 un contributo a carico dell'azienda di 10 euro mensili per 12 mensilita' per ciascun lavoratore non in prova, in forza a tempo indeterminato, compreso gli apprendisti. Il versamento della quota avverra' in tempi e modi che saranno successivamente definiti. Anche su questo argomento e' stata istituita una Commissione paritetica che iniziera' a riunirsi il 15 febbraio prossimo.

Al fine di evitare situazioni di eccessivo prolungamento delle trattative di rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro, sono state individuate tempi e procedure per il rinnovo stesso. In caso di ritardato rinnovo, e a condizione che tempi e procedure siano state rispettate, dalla data di scadenza del contratto precedente, sarƒa' erogata una copertura economica che le parti individuano essere pari al 40% dell‚âA'U'inflazione riferita all‚âA'U'anno precedente da calcolarsi sulla base di calcolo convenzionale stabilita nell‚âA'U'apposito nuovo articolo. Dopo 6 mesi la suddetta percentuale passerƒa' al 60%.

ART. 1 ‚âA'" DECORRENZA E DURATA

E‚âA'U' stato previsto che il CCNL ha durata triennale tanto per la parte economica che per la parte normativa e scadrƒa' il 31 dicembre 2012.

ART. 5 ‚âA'" PERIODO DI PROVA

Con la modifica del comma 2, il periodo di prova ƒe' stato aumentato di un mese per ogni livello.

- 1 mese per tutti gli altri lavoratori.

ART. 6 ‚âA'" CLASSIFICAZIONE DEL PERSONALE

- viene previsto che il personale inquadrato nell‚âA'U'attuale 6‚° livello sarƒa' inquadrato automaticamente nel 6‚° livello senior.

ART. 9 ‚âA'" ORARIO DI LAVORO PER PERSONALE NON VIAGGIANTE

L‚âA'U'arco temporale su cui calcolare la media della settimana lavorativa (48 ore) ƒe' stato fissato in 6 mesi, al netto delle giornate non lavorate ma retribuite.

ART. 11 ‚âA'" ORARIO DI LAVORO PER IL PERSONALE VIAGGIANTE

L‚âA'U'arco temporale su cui calcolare la media della settimana lavorativa ƒe' stato portato da 4 a 6 mesi, al netto delle giornate non lavorate ma retribuite.

ART. 18 ‚âA'" ASSENZE, PERMESSI E CONGEDO MATRIMONIALE

Al comma 3 viene inserita la disposizione in base alla quale 10 ore di permessi non retribuiti potranno essere usufruiti dal lavoratore soltanto previo esaurimento dei ROL.

Viene inoltre modificata anche la disciplina del congedo matrimoniale. Infatti adesso a

richiesta di congedo, con l‚âA'U'attuale disposizione ƒe' stato previsto che il congedo dovrƒa' essere richiesto dal lavoratore con un preavviso di almeno 10 giorni antecedenti e fruito nel termine di legge.

ART. 20 ‚âA'" DIRITTO ALLO STUDIO/FORMAZIONE CONTINUA

Oltre alla modifica del comma 6, che riguarda i permessi studio per i lavoratori non universitari, che frequentano corsi di formazione e qualificazione professionale, ƒe' stato aggiunto un nuovo comma nel quale viene previsto che l‚âA'U'azienda impartirƒa' agli autisti specifica formazione sull‚âA'U'utilizzo del cronotachigrafo.

ART. 21 ‚âA'" INTERRUZIONI, SOSPENSIONE DI LAVORO E RECUPERI

ƒË† stata disciplinata la modalitƒa' di comunicazione ai lavoratori in caso di interruzione della prestazione normale. Infatti al punto 3 del comma 1 ƒe' oggi previsto che ‚âA'œPer le ore perdute e quelle per le quali gli operai siano stati preventivamente preavvisati anche tramite sms, email, comunicazione scritta, non sarƒa' dovuta alcuna retribuzione.

ART. 22 ‚âA'" FERIE

da parte del lavoratore sarƒa' accolta compatibilmente con le esigenze organizzative aziendali.

ART. 28 ‚âA'" RESPONSABILITA‚âA'U' DELL‚âA'U'AUTISTA E DEL PERSONALE DI SCORTA

Il comma 2 di tale articolo ƒe' stato modificato ed integrato come segue.

In primo luogo viene specificato che l‚âA'U'autista ƒe' responsabile del veicolo affidatogli, e unitamente al personale di scorta, di tutto il materiale, delle merci anche dei documenti che ricevono in consegna rispondendo degli eventuali smarrimenti e danni che siano imputabili, esclusi i casi fortuiti o di forza maggiore.

.

In terzo luogo ƒe' stato altresƒi' previsto che l‚âA'U'autista ƒe' tenuto a custodire con diligenza le tessere ed altri strumenti di pagamento che riceve in consegna dal datore di lavoro rispondendo dell‚âA'U'eventuale smarrimento e/o dei danni diretti ed indiretti che dovessero derivare dalla negligente custodia e/o dall‚âA'U'uso improprio. L‚âA'U'autista puƒo' utilizzare le tessere ed altri strumenti di pagamento esclusivamente per compiere spese ricollegabili all‚âA'U'attivitƒa' lavorativa.

In base alla loro gravitƒa', il mancato rispetto dei suddetti adempimenti, comporta l‚âA'U'applicazione di sanzioni disciplinari.

ART. 29 ‚âA'" RITIRO PATENTE/CARTA CONDUCENTE

Nell‚âA'U'attuale formulazione ƒe' stato previsto e disciplinato il caso in cui al lavoratore sia stata ritirata la patente fuori dall‚âA'U'esercizio delle proprie mansioni.

In tal caso al lavoratore si applica esclusivamente la disposizione del comma 1, che prevede il diritto alla conservazione del posto senza alcuna retribuzione per un periodo di 6 mesi.

ƒË† stato inoltre previsto che al lavoratore ƒe' fatto obbligo di informare immediatamente per iscritto il datore di lavoro del ritiro della patente. Inoltre il lavoratore che guidi durante il periodo di ritiro della patente ƒe' responsabile dei danni diretti ed indiretti eventualmente subiti dall‚âA'U'azienda.

Va evidenziato che l‚âA'U'azienda puƒo' adottare il licenziamento disciplinare a carico degli autisti che non comunichino all‚âA'U'azienda, nei modi e termini sopra indicati, l‚âA'U'avvenuto ritiro della patente e/o della carta di qualificazione.

ART. 31 ‚âA'" TRASFERIMENTI

L‚âA'U'articolo in questione ƒe' stato modificato.

In primo luogo viene data la possibilitƒa' ad ogni azienda, attraverso specifici accordi a livello aziendale, di individuare i distretti all‚âA'U'interno dei quali l‚âA'U'eventuale mobilitƒa' del lavoratore non configura trasferimento ai sensi dell‚âA'U'articolo in commento.

In secondo luogo ƒe' stato modificato il precedente comma 6 che disciplinava le modalitƒa' e i tempi di comunicazione del trasferimento di un lavoratore. Ad oggi, fermo restando che il provvedimento di trasferimento deve essere comunicato al lavoratore per iscritto con il preavviso di un mese, viene altresƒi' previsto che in caso di trasferimento collettivo riguardante almeno 5 lavoratori, il relativo preavviso dovrƒa' essere comunicato anche alle RSA/RSU seguendo specifiche procedure.

ART. 32 ‚âA'" DIRITTI E DOVERI DEL LAVORATORE ‚âA'" PROVVEDIMENTI

luogo ai licenziamenti disciplinari.

ART. 38 ‚âA'" SECONDO LIVELLO DI CONTRATTAZIONE

L‚âA'U'articolo in questione ƒe' stato modificato. La formulazione attuale dell‚âA'U'articolo prevede:

- una procedura per la presentazione delle piattaforme e della trattativa. In particolare, le richieste di rinnovo (piattaforme) degli accordi devono infatti essere presentate alle

aziende o alle associazioni due mesi prima della scadenza degli accordi stessi.

L‚âA'U'azienda o l‚âA'U'associazione datoriale devono convocare entro 20 giorni dalla data di ricevimento della piattaforma un apposito incontro. La trattativa si dovrƒa' concludere entro i 70 giorni successivi.

- A titolo di erogazione per il mancata attuazione dell‚âA'U'accordo territoriale viene riconosciuto l‚âA'U'1,5% del minimo conglobato. L‚âA'U'importo diventerƒa' definitivo e non riassorbile da nessuna erogazione successiva concessa a titolo di contrattazione di secondo livello.

ART. 42 ‚âA'" APPALTO DI LAVORI DI LOGISTICA, FACCHINAGGIO/

.

A partire da tale data, di conseguenza, il nuovo comma 3 bis sostituirƒa' l‚âA'U'attuale comma 3 e quindi, a partire dal 1‚° luglio 2012, le imprese verificheranno l‚âA'U'idoneitƒa' dell‚âA'U'appaltatore interessato da eventuali terziarizzazioni fornendo preventivamente alle OO.SS le informazioni circa l‚âA'U'applicazione del contratto di lavoro e delle normative previdenziali di legge.

le aziende interromperanno i rapporti con i detti appaltatori garantendo l‚âA'U'occupazione ai lavoratori presso altre imprese appaltatrici che offrano garanzie nel pieno rispetto dei diritti contrattuali e di legge dei lavoratori.

ART. 42 bis ‚âA'" CAMBI DI APPALTO

All‚âA'U'articolo viene aggiunto un comma 3bis nel quale viene previsto che in caso di subappalto e/o cambio di appalto e/o nel caso di affidamento all‚âA'U'interno di un‚âA'U'impresa diversa, andrƒa' attivata la procedura riportata nei commi da 1 a 3 dell‚âA'U'articolo in questione da parte dell‚âA'U'impresa titolare dell‚âA'U'appalto.

in calce all‚âA'U'articolo in commento, come giƒa' evidenziato, il comma 2bis dell‚âA'U'art. 42 entrerƒa' in vigore il 1‚° luglio 2012; che il comma 3bis dello stesso articolo 42 sostituirƒa' l‚âA'U'attuale comma 3 dal 1‚° luglio 2012; qualora prima della data del 1‚° luglio 2012 le aziende committenti decidano, in caso di nuovi appalti o di rinnovo di appalti in essere, di procedere secondo le modalitƒa' previste dai commi 2bis e 3bis dell‚âA'U'art. 42 e del nuovo comma 2 dell‚âA'U'art. 42bis, dandone preventivamente comunicazione alle OO.SS firmatarie del presente CCNL, gli appaltatori potranno utilizzare per le nuove assunzioni il livello 6j di nuova istituzione. La norma prosegue stabilendo che tale facoltƒa' sarƒa' consentita, altresƒi', agli appaltatori delle aziende committenti di cui sopra, con contratto in essere che applicano o decidano di applicare il presente CCNL prima di tale data e che analoga possibilitƒa' ƒe' prevista per le imprese cooperative, che operando per un committente di settore merceologico diverso da quello disciplinato dal presente CCNL dichiarino di applicarlo.

ART. 43 ‚âA'" RAPPRESENTANTE PER LA SICUREZZA

I riferimenti normativi contenuti nell‚âA'U'articolo sono stati aggiornati, richiamando le disposizioni del decreto legislativo n. 81/2008. Inoltre, con la dichiarazione a verbale, le parti si sono impegnate ad affidare ad un‚âA'U'apposita Commissione l‚âA'U'approfondimento di quanto stabilito nell‚âA'U'art. 49 del TU Sicurezza in merito alla figura del RLS di sito produttivo.

ART. 48 ‚âA'" CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO

Riguardo alla proroga del contratto a termine, ed in attuazione degli Accordi interconfederali in materia, ƒe' stato previsto che trascorsi i 36 mesi di assunzione a termine, un ulteriore successivo contratto a termine tra gli stessi soggetti puƒo' essere stipulato per una sola volta, per una durata massima di 8 mesi a condizione che la stipula avvenga presso la Direzione Provinciale del Lavoro competente per territorio e con l‚âA'U'assistenza di un rappresentante sindacale si una delle organizzazione nazionali maggiormente rappresentative cui il lavoratore sia iscritto o conferisca mandato.

Art. 1 ‚âA'" FLESSIBILITA‚âA'U'

Viene aggiunto un nuovo comma alla parte dedicata alle DEROGHE che riguarda la possibilitƒa' per le imprese di distribuire per 5 settimane consecutive l‚âA'U'orario di lavoro in maniera non omogenea nell‚âA'U'arco della settimana, fermo restando il minimo di 6 ed il massimo di 9 ore giornaliere ordinarie. Ai lavoratori interessati da una simile distribuzione verrƒa' riconosciuta per ciascuna settimana con tale distribuzione, un‚âA'U'indennitƒa' di 10 euro comprensiva degli istituti legali e contrattuali.

Viene inoltre previsto che le modalitƒa' della distribuzione saranno oggetto di verifica con le RSA, RSU e OO.SS territoriali e che la mancata definizione di quanto sopra non pregiudica l‚âA'U'applicazione della deroga in questione.

ART. 5 ‚âA'" LAVORO STRAORDINARIO E BANCA ORE

Al fine di disciplinare il trattamento economico dovuto al lavoratore che svolge attivitƒa' formativa per l‚âA'U'azienda fuori dal normale orario di lavoro, ƒe' stata aggiunta una disposizione in base alla quale per tale attivitƒa' formativa, al lavoratore verrƒa' riconosciuta esclusivamente la retribuzione oraria ordinaria.

ART. 7 ‚âA'" MALATTIA, INFORTUNIO, CURE TERMALI, TOSSICODIPENDENZA

L‚âA'U'articolo, oltre ad essere stato modificato in alcune parti, ƒe' stato riformulato in maniera piƒu' organica.

Una importante modifica riguarda il comma 2 alla lettera A) Malattia relativo alla comunicazione dell‚âA'U'assenza per malattia da parte del lavoratore.

- Per quanto riguarda il personale non viaggiante, l‚âA'U'assenza deve essere comunicata all‚âA'U'azienda entro le prime due ore dall‚âA'U'inizio dell‚âA'U'orario di lavoro del giorno in cui si verifica l‚âA'U'assenza stessa, salvo i casi di giustificato impedimento.

- Per il personale viaggiante e per il personale che effettua turni continui avvicendati, l‚âA'U'assenza deve essere comunicata almeno quattro ore prima dell‚âA'U'inizio del servizio affidato ovvero dell‚âA'U'orario di lavoro del giorno in cui essa si verifica.

. .

In caso di mancato adempimento degli obblighi sopra indicati l‚âA'U'azienda potrƒa' adottare la procedura disciplinare di cui al‚âA'U'art. 32 del CCNL, vale a dire fino al licenziamento del lavoratore che per la terza volta non comunichi l‚âA'U'assenza per malattia e/o la relativa prognosi secondo le suddette modalitƒa'.

sono stati individuati i giorni di calendario di conservazione del posto di lavoro. Pertanto per coloro che hanno una anzianitƒa' di servizio inferiore a 5 anni il periodo di comporto ƒe' pari a 245 giorni di calendario; per coloro che hanno invece una anzianitƒa' di servizio superiore a 5 anni il comporto ƒe' pari a 365 giorni di calendario.

La parte di indennitƒa' afferente compensi retributivi supplementari alla normale retribuzione mensile (lavoro straordinario, festivitƒa' cadenti di sabato e/o domenica, indennitƒa' di disagio ecc.) che in forza delle normative di legge in vigore non rientrano nella base di calcolo , resterƒa' al lavoratore in aggiunta al trattamento stesso‚âA'.

che incidono negativamente sull‚âA'U'organizzazione produttiva, sull‚âA'U'efficienza e sulla competitivitƒa' delle aziende e, di conseguenza, sulla stessa occupazione. Nella dichiarazione a verbale le parti firmatarie confermano che la diminuzione del fenomeno rientra tra gli obiettivi della loro azione e che laddove a livello aziendale si riscontrassero fenomeni di assenteismo anomalo, le parti si impegnano ad individuare e mettere in atto, nell‚âA'U'ambito di specifici accordi aziendali, ogni misura e strumento finalizzato a disincentivare e contrastare tali condotte.

ART. 8 ‚âA'" TUTELA DELLA MATERNITA‚âA'U'

dell‚âA'U'intera retribuzione per i primi 5 mesi della sua assenza ed il 50% per il 6‚° mese.

con la nuova disposizione relativa alla installazione delle apparecchiature di controllo satellitare viene stabilito che le suddette non hanno finalitƒa' di controllo sull‚âA'U'operato dei lavoratori dipendenti ,ma di garanzia della sicurezza del mezzo e del carico.

Pertanto in caso di installazione di sistemi satellitari l‚âA'U'azienda dovrƒa' esclusivamente informare i lavoratori di tale installazione a mezzo di apposita comunicazione individuale. Viene stabilito inoltre che le apparecchiature non potranno essere utilizzate dall‚âA'U'impresa per contestazioni disciplinari ai lavoratori.

: con una nuova norma viene stabilito che, preso atto del crescente rilievo nel settore dell‚âA'U'occupazione dei cittadini stranieri, si ritiene di promuovere iniziative finalizzate all‚âA'U'integrazione, alle pari opportunitƒa', alla formazione, anche attraverso attivitƒa' di studio e di ricerca finalizzate alla promozione di interventi mirati ai diversi livelli contrattuali e di confronto (nazionale, territoriale, aziendale).

: ƒe' stata inserita una nuova disposizione in base alla quale ad eccezione del personale viaggiante di cui agli artt. 11 e 11 bis possono essere individuate a livello aziendale, previo esame congiunto per una sua definizione con le RSU/RSA le figure professionali soggette ad essere reperibili in ore non lavorative.

A livello aziendale saranno altresƒi' individuati i periodi massimi di reperibilitƒa', il compenso specifico e le modalitƒa' applicative di un eventuale recupero del riposo giornaliero interrotto per effetto della reperibilitƒa'.

I lavoratori interessati non potranno rifiutarsi, salvo giustificato motivo, di compiere turni in reperibilitƒa'.

: nell‚âA'U'ambito del rinnovo ƒe' stata inserita una sezione speciale dedicata alle imprese artigiane, contenente norme relative al personale viaggiante di cui agli articoli 11 e 11 bis; relazioni sindacali e contratti a tempo determinato. Entro i prossimi 30 giorni le Parti si incontreranno per le definizione e sottoscrizione della bilateralitƒa' e della sanitƒa' integrativa dell‚âA'U'artigianato.

: contiene norme di interesse per il socio lavoratore.

 

 

 

  •  

Allegati

Per l'apertura dei documenti pdf è consigliabile installare l'ultima versione di Acrobat Reader

Login utenti registrati


Agenda
«  

Settembre 2014

  »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
 
 
 
 
 
Comunicati Stampa